Utente 311XXX
Gentili Dottori, avrei un quesito da sottoporvi.
Esattamente un anno fa mi sono sottoposto ad un intervento di safenectomia (più asportazione di svariate varici) alla gamba sinistra.
Credo di essere geneticamente predisposto in quanto 7-8 anni fa feci lo stesso intervento alla destra.
A distanza di un anno dall'operazione, purtroppo, riscontro ancora alcuni problemi.
Il più fastidioso è quello relativo al taglio vicino la caviglia. Noto come tutta quella parte (dal taglio fino a circa 10 cm in alto lungo l'osso) sia ancora dolorante al contatto, toccandola sento come un formicolio, misto a dolore, bruciore e "fastidio". In particolar modo ricordo di come quest'estate sia stato particolarmente fastidioso camminare dentro l'acqua del mare...sentivo bruciore come se il taglio fosse ancora "fresco", nonostante il tempo che, invece, era passato in abbondanza.
Cosa analoga (ma meno grave) mi succede nella zona del vasto mediale, in questo caso al contatto con oggetti avverto un leggero formicolio e una sensazione di alterata sensibilità (non saprei dire se maggiore o minore), ma senza dolore.
La cosa che un po' mi preoccupa è il ricordare di come, quando subii la safenectomia all'altra gamba, non ho minimamente avuto questi strascichi.
Ho fatto di recente una visita di controllo dal chirurgo che mi ha operato. Ha dato una controllata generica alla gamba, a "vista" (cioè senza ecodoppler) e ha detto che stava bene. A riguardo di questi problemi ha minimizzato dicendo che è "normale" e che andranno via col tempo. A me invece sembra proprio che il tempo non mi stia aiutando. Cosa mi conviene fare?
Grazie infinite a chi vorrà rispondermi.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
è possibile che i sintomi parestetici lamentati siano legati ad un traumatismo del nervo safeno talvolta determinato dallo stripping; essi possano persistere anche per un periodo piuttosto prolungato, ma potrebbero tendere ad attenuarsi progressivamente
[#2] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille Dottore, speriamo che sia solo questione di tempo...
[#3] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2013
Dottore, scusi se approfitto della Sua gentilezza, mi era sorto un dubbio. Oltre all'eventuale problematica del nervo safeno, riguardo il dolore che ancora permane alla caviglia potrebbe esserci anche stata lesione a qualche tendine o altro ancora?
Esistono degli esami che potrei fare per verificare tutto questo?
Grazie mille!
[#4] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Escluderei questa ipotesi.
[#5] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2013
Benissimo, grazie mille!