Utente 400XXX
Buonasera, scrivo qui per avere un ulteriore opinione in merito ad una situazione sgradevole che si è verificata tra il venerdì 16 e sabato 17 settembre.
Allora il venerdì sera mi entra un pipistrello in casa, io e la mia compagna apriamo le finestre sperando che questo esca fuori. Usciamo di casa e rientriamo dopo mezz'oretta e sembra non esserci più l'animale quindi molto tranquillamente siamo andati a dormire lasciando anche la porta della stanza aperta. Fin qui tutto normale, peccato però che il sabato sera rivediamo il pipistrello ragion per cui siamo fermamente convinti che non sia mai uscito dalla casa. Ovviamente la domanda a cui voglio sottoporvi è: l'essere rimasti a contatto con questa bestia selvatica mentre dormivamo può aver innescato qualche infezione? Che rischi sanitari si corrono? Noi ci siamo controllati il corpo e non abbiamo riscontrato ne graffi ne morsi ma comunque abbiamo contattato i nostri medici di base e abbiamo chiesto loro cosa fare a riguardo ed entrambi sono concordi nel dire che non risultano rischi di nessun tipo. Abbiamo anche sentito la guardia medica la quale ci ha detto di contattare il distretto di prevenzione sanitaria per chiarimenti (cosa che faremo quanto prima). La paura che mi ha spinto a scrivere qua riguarda principalmente il rischio di contrarre la rabbia che è diventata una paura seria a causa del terrorismo che si fa sul web in merito a questa malattia (oltretutto vivendo nel Fvg dovremo essere ancora più a rischio secondo le statistiche). Magari dei vostri ulteriori chiarimenti potrebbero aiutarci a stare più sereni. Grazie in anticipo per le risposte
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
I pipistrelli (o le bestie selvatiche come le chiama lei) arrivano a cibarsi di zanzare nella misura di 20.000 insetti a notte.
Ci pensi e poi veda se chiamarli bestie o animali.
Non esistono in italia specie che si nutrono di sangue.
Probabilmente, se fa già freddo, sta cominciando a trovarsi un posto per il letargo, quindi spaventato e disorientato si è nascosto per poi riapparire.
Spero che non lo abbiate ucciso.
In quanto ai rischi sanitari non ne sussistono di concreti: se lei si fa condizionare dalle letture di internet è un problema suo e non dei chirotteri.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 400XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno. Ci tengo a precisare che il pipistrello non lo abbiamo ucciso e inoltre non volevo aprire una discussione sull'importanza di questo animale nell'ecosistema ma a me interessava un commento sulla possibilità di aver contratto malattie. Non è che mi faccio condizionare dal web ma voglio solo un parere in più su una malattia terribile come la rabbia visto che sul web si trova poco a riguardo e sa, a 23 anni vorrei non morire di una cosa cosi. Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Non corre nessun pericolo.
Ma mi pare di averlo già scritto in #1:
"In quanto ai rischi sanitari non ne sussistono di concreti".
Quindi si tranquillizzi perchè non morirà di rabbia. Anche perchè la rabbia si trasmette con il morso e lei non rifesisce di essere stata morsa.
Prego.
Dott. Caldarola.