Utente 424XXX
Gentili Medici,

ho 49 anni, nel 2009 mi è stato diagnosticato un linfoma di Hodgkin trattato con ABVD in remissione. Il 14 Luglio u.s. sono stata sottoposta a intervento chirurgico al seno "ampia exeresi + biopsia di 3 linfonodi sentinella e 3 linfonodi ascellari I livello, per carcinoma infiltrante mammella destra QSE varietà tubolare diametro mm. 7, invasione vascolare ematica/linfatica peritumorale assente, carcinoma lobulare in situ di tipo classico (LIN2) nel parenchima perinodulare, distanza minima LIN2 - margine mediale mm 0.4. Distanza minima tumore "in situ"/infiltrante - Gli altri margini maggiore di mm 10. Nessina proliferazione neoplastica nei linfonodi ascellari in esame.
G1
ER= positivo 100%
Ki67= 20%
PgR= 90%
c-erbB2= positivo > 10%
score 2+
FISH= assenza di amplificazione
Premenopausa

Mi è stata prescritta solo radioterapia. La mia domanda è questa:

- Vi è incongruenza tra il "G1 e Ki67= 20%"? Se ha un grado di malignità basso può avere il 20% di proliferazione?
- Se positivo ai recettori ormonali, la terapia ormonale non va effettuata?

Vi ringrazio anticipatamente per la Vs. gentile risposta:

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non c'è alcuna inconguenza . Un indice di proliferazione 20 % si può considerare non elevato e perfettamente coerente con G1 e l'istotipo (tubulare) di un tumore poco aggressivo.

Tanti saluti
Salvo Catania