Utente 424XXX
Gentilissimi dottori, sono un ragazzo di 36 anni appena compiuti malto di induratio penis plastica da ormai 5 anni, l' esordio e' stato improvviso apparentemente senza una causa e concomitante alla comparsa di tiroidite cronica autoimmune e successivamente cardiomiopatia dilatativa. Tengo a bada la cardiomiopatia assumendo i seguenti farmaci: lasix 25, cardicor 5, corlentor 5+ 5, triatec 10 , norvasc 5, coumadin 5 secondo IRN e assumendo come gastroprotettore il ranidil 300. Ho attualmente un fe di 40%, mentre per quanto riguarda la tiroidite non assumo nulla perche i valori ormonali sono normali ma gli anticorpi si stanno alzando li controllo ogni anno. Veniamo alla ipp, come dicevo e' sorta all' improvviso inizialmente con un leggerissimo dolore ed un accenno di curvatura, ragione per cui mi rivolsi ad un andrologo della mia zona portando foto in erezione e sottoponedomi ad ecodoppler dinamico che non aveva evidenziato problemi vascolari ma la presenza di una placca in posione apicale di circa 10 mm X 0,8 X 0,5 insomm di dicrete dimensioni, la diagnosi e' stata fatta nel 2011. L' andrologo in questione mi ha sottoposto ad una terpia multimodale di un anno, fatta di trental, siben, propolberry, vitamina e, dromos, affermando che se ne sarebbe potuta bloccare l' evoluzione e stabilizzarsi. Purtroppo non e' stato cosi la placca e' continuata a crescere e nonostante abbiamo tentato infiltrazioni di verapamile circa 10. E' cresicuta in maniera abnorme tanto che l' andrologo ha sospeso le infiltrazioni e mi ha fatto continuare la cura orale, ho effettuato sempre ecografie di controllo, ma la placca adesso ha delle dimensioni esagerate, e lunga 5cm larfa 1 cm e spessa o,5 cm. Sto parlando di cm non di mm.. Insostanza si estende dall' apice dei corpi cavernosi sino a meta dell' asta. La curvatura varia in base ai gradi di erezione e si attesta intorno ai 35-40 gradi, le dimensioni dell' organo si sono notevolmente ridotte di circa 3 cm di lunghezza e un paio di circonferenza insomma adesso e' un piccolo pene che sfiora 11 cm . Detto questo non ho piu' rapporti da ormai 2 anni la partner mi ha mollato per mancanza di una intimita' soddisfacemte e 3 anni di attesa senza risovere nulla. Ovvimente ho una certa difficolta' di erezione e a distanza di 5 anni ancora dolore in tutta la parte dorsale che non si espande piu', ma con una placca cosi grande cosa si puo' fare ? Il mio andrologo non ha saputo darmi risposte cosi ne ho consultato un altro ma anche questo e' rimasto scioccato, e non sa cosa proporre, la situwzione cardiaca non mi permette di assumere inibitori, le pge1 non sono praticabili in quanto peggiorerebbero la fibrosi e la protesi in presenza di dolore non puo' essere applicata. Cosa posso fare ? Adesso non riesco ad avere rapporti casua dllore ed erezione non compeleta, oltretutto dopo l' eiaculazione il pene resta in torisone diventa rigido e dolente l, allo stato flaccido invece se lo palpo vedo le stelle. Vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, vista l inutilità di terapie mediche bisogna pensare a soluzione chirurgica, magari un po impegnativa. Senta che dice il collega
[#2] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Cosa intende per chirurgia? L' innesto di protesi? O l' intervento di raddrizzamento
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Magari entrambe visto che la malattia non si ferma. Ma è parere da prendere con le molle via Internet
[#4] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Sentiro' una terza campana
[#5] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Un' altra cosa ma l' intervento di cui lei parla non blocca comunque la malattia , se quindi fosse necessario che utilita' avrebbe?
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Io parlo di un intervento di protesi con sostituzione di placca. Si ferma eccome la malattia
[#7] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Capisco, insomma ci vorrebbe davvero un espertissmo andrologo. Un ' ultima curiosita' se me lo concede, ma placche cosi grandi come la mia si possono togliere ? O vegono semplicemente incise ? Consderi che si estende dall' apice dei corpi csvernosi sino a meta' dell' asta. E' ormai diventata come un osso..
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non lo so ma qualche cosa bisogna fare a quella placca perché le ha accorciato il pene: o si rimuove o si incide o si fa scorrere la albugine a in avanti dopo incosione alla circonferenza. La protesi sola mi pare che rimanga troppo corto. Ma questo è parere molto molto discutibile
[#9] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Che casino .... La ringrazio per la delucidazione ultimissima e non approfitto ulterirmente della sua gemtilezza. La mia disfunzjone e' dovuta alla placca o influisce pesantemente il cocktail di farmaci che predno per il cuore?
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Placca