Utente 131XXX
Buonasera, avrei bisogno di un Vs parere.
Lavoro in un' azienda del settore industriale dal 1994 a tutt'oggi. Nel 2007 sono stato colpito da paraplegia per ernia espulsa L2 e da allora la mia vita è totalmente cambiata. Le mie condizioni sono migliorate ma non più di tanto, ho lasciato la sedia a rotelle ma deambulo con stampelle e tutori. Sono stato riconosciuto invalido al 75% con riduzione a meno di 1/3 delle capacità lavorative, portatore di handicap grave secondo la famigerata legge 104/92 art 3 comma 3 e di conseguenza non potendo più svolgere il mio lavoro mi hanno spostato in ufficio.
Dal 2008 percepivo l'assegno ordinario di invalidità sino a giugno di quest'anno dopo di che nella consueta visita annuale di revisione me lo hanno tolto per motivi sanitari.
Può esserci un motivo valido che abbia portato l'inps a togliermi la pensione? Voglio dire!
Se per 8 anni, sempre con la stessa patologia documentata anno per anno ad ogni revisione, mi è stato sempre confermato com'è che adesso me lo hanno tolto ?
Fra altro la visita di giugno è stata una farsa perché il dottore non mi ha visitato ha solo preso il certificato neurologico che avevo mostrato.

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli
24% attività
8% attualità
8% socialità
CINISELLO BALSAMO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
La commissione ha evidentemente riconosciuto un miglioramento della sua malattia tale da rendere la percentuale di invalidità inferiore al limite per il quale viene riconosciuto l'assegno. Se lei come immagino non è d'accordo può fare ricorso, avvalendosi della collaborazione di un medico di sua fiducia. Dal punto di vista pratico la cosa più facile è rivolgersi a un patronato sindacale, che saprà anche darle indicazioni preliminari se ci sono gli estremi per fare il ricorso e se ci sono buone probabilità per ottenere una revisione.
Codialmente,
[#2] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la Sua disponibilità.
Il fatto è che non sono stato visitato, il colloquio avuto col medico è durato circa 10 min, troppo poco ed insufficiente a mio avviso per stabilire se vi siano stati miglioramenti non crede. È poi stiamo parlando di paraplegia flaccida che dura da 8 anni.
Ho già inoltrato ricorso giudiziario ma l'ultima spetta sempre a loro, possono chiamarmi come possono non farlo e quindi portare la questione in tribunale con un esborso di denaro per me non indifferente.
Dico solo che dovrebbero avere rispetto per le persone come me che, oltre a lottare con la malattia, ci ritroviamo a dover lottare con chi in realtà ci dovrebbe aiutare.
Grazie ancora