Utente 248XXX
salve sono un ragazzo di 32 anni non fumo e non bevo, ieri mentre facevo un'ecografia al polso l'operatore mi ha chiesto se sapevo di avere un soffio al cuore perchè ha sentito un doppio flusso o spinta alla vena del polso...io ho risposto di no ma adesso ho qualche dubbio..come si puo' diagnosticare un soffio da una ecografia ai tendini del polso???...nel 2003 ho avuto un periodo di extrasisole benigne risolte poi senza nessuna cura e nell'estate 2007 mi sono sottoposto(per un'esofagite da reflusso)a holter e ecocardio entrambi negativi..quest'anno a maggio ho fatto l'ecg a riposo xl'avis (negativo) e l'ecg sotto sforzo(negativo) x la visita sportiva ad agosto....posso stare tranquillo o il soffio al cuore è una patologia che puo' presentarsi da un giorno all'altro??la sicurezza dell'operatore mi ha un po' preoccupato..
grazie in anticipo x le vostre risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la possibilità di diagnosticare un soffio al cuore tramite un'ecografia ad un arto (polso), risulta praticamente impossibile!
Il cosiddetto soffio è un fenomeno auscultatorio che viene quindi osservato tramite l'utilizzo di un fonendoscopio durante una visita medica/cardiologica.
E' molto probabile invece che "il doppio flusso" sia espressione di un battito prematuro, ossia di un'extrasistole. Pertanto, visti gli esami da Lei praticati, così scrupolosamente per le sue attività sportive, può stare tranquillo.
Cordialmente,