Utente 261XXX
Buongiorno a tutti, durante una visita oculistica la dottoressa ha notato un'anomalia del nervo ottico, quindi ha deciso di farmi fare un campo visivo computerizzato che è risultato essere nei limiti per l'occhio destro mentre fuori dai limiti per l'occhio sinistro. Dopo circa 20 giorni ho ripetuto l'esame e il risultato è stato più o meno lo stesso: occhio destro nei limiti, occhio sinistro ai limiti.
In seguito a questo esame la dottoressa mi ha fatto fare un OCT delle fibre nervose e della macula: la retina risulta a posto, mentre i nervi ottici presentano dei danni (assottigliamento settoriale delle fibre nervose con maggiore incidenza sull'occhio destro).
In seguito a questo esame la dottoressa mi ha prescritto una RMN encefalica con mezzo di contrasto.
Faccio presente che sono miope all'occhio destro di -3,75 (miopia aumentata dai 21 anni) e astigmatico all'occhio sinistro di 0,75 (aumentata anch'essa negli anni).
Sono molto preoccupato e vorrei un parere sulla situazione, grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Ferdinando Munno
28% attività
20% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
a mio avviso nei miopi c'è un fisiologico assottigliamento delle fibre nervose, che risultano appunto un pò più stirate dal momento che il bulbo oculare è più allungato e quindi l'oct delle fibre le riconosce lievemente di spessore inferiore.
detto questo un esame del campo visivo dopo 20 giorni mi sembra davvero una esagerazione, i controlli del campo visivo hanno ragione di esser fatti su problemi di pressione oculare o se ci sono dubbi sulle fibre nervose ma di certo non si trovano peggioramenti dopo così poco tempo. a maggior ragione una risonanza!
si consulti bene con l'oculista e cerchi di capire quale debba essere la diagnosi. non è corretto che debba venirla a cercare in rete, quanto invece un dialogo è alla base della comprensione del problema. se davvero esiste.
[#2] dopo  
Utente 261XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dottore.