aorta  
 
Utente 385XXX
Buona sera,
mio padre (74 anni, già affetto da vari problemi e precedenti interventi - carcinoma duodenale, colecisti, tumore alla tiroide e circa un anno fa affetto da polmonite) da circa 15 giorni ha avuto un aggravamento respiratorio (difficoltà a respirare, sensazione di mancanza di aria). Il fenomeno tende ad aumentare di notte, quando assume la posizione sdraiata.
Il medico di famiglia ha segnato con urgenza una risonanza, di seguito il referto.
Sono preoccupato e fino a martedì la dottoressa non ci riceve; c'è qualcuno che mi può aiutare ad interpretare il contenuto del referto?
"TC TORACE HR
Fenomeni fibrotico-disventilativi prevalenti in sede mantellare a livello del LID.
Focale micronodulo calcifico in sede apicale del LIS di circa 4 mm.
Per quanto valutabile senza infusione di MDC. presenza di qualche linfonodo pericentrimetrico in sede mediastinica anteriormente alla trachea ed in finestra aorto-polmonare.
Non versamento pleuro-pericardico in atto.
Diametro massimo AP dell'aorta toracica ascendente di circa 45mm.
Diametro massimo traverso arco aortico: circa 33mm.
Diametro massimo AP aorta toracica discendente circa 32mm.
Si consiglia valutazione in ambito specialistico chirurgico vascolare."

Spero che qualcuno risponda.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le muisure dell'aorta che lei riporta non sono al momento, di pertinenza chirurgica, tra l'altro in un paziente con molteplici patologie gravi ed anziano .
Detto quersto e' opportuno che il paziente esegua periodicamente una valutazione ( anche ecografica) delle dimensioni dell'aorta.
E' la variazione rapido ao meno di queste dimensioni che necessita di una valutazione chirurgica.
Nel frattempo e' importante mantenere i valori pressori il piu' possibile vicini ai 120/80 mmHg, con farmaci appropriati

Arrivederci


cecchini