Utente 311XXX
Gent.mi Dottori,
Nelle settimane scorse ho avuto problemi di bruciore all'atto di urinare. Dopo avere effettuato esame delle urine e Psa, sono andato da un urologo che, dopo l'esame clinico, mi ha diagnosticato la presenza di piccoli calcoli alla prostata. Per alleviare i disturbi mi ha prescritto LeviaProst (una capsula a pranzo) e Urorec (una capsula a cena), dicendomi di ripetere la terapia ciclicamente. Ora, dopo circa 10 gg, il disturbo di è alleviato anche se non è del tutto scomparso. Si presenta invece il fastidioso effetto collaterale dell'eiaculazione retrograda. Per quanto tempo dovrei continuare?
Vi sono indicazioni sula durata dei cicli di terapia, visto che l'urologo non mi ha dato indicazioni precise?
Grazie come sempre per l'attenzione e la disponibilità che dimostrate.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore il problema eiaculatorio dipende del farmaco che prende la sera . Esistono in commercio farmaci simili che non danno questo problema oppure lo danno in maniera inferiore. Noi di qua non possiamo fare terapia ma ne parli con il collega
[#2] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la solerte e puntuale risposta.
Purtroppo il mio urologo è furi sede.
Al di là del disturbo eiaculatorio, che considero tuttavia tollerabile, desideravo solo sapere se vi fosse una durata standard dei cicli di urorec (l'urologo mi ha solo detto di utilizzarlo ciclicamente senza specificare per quanto tempo) o se devo continuare fino alla scomparsa del disturbo.
Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Circa, molto circa due mesi ma da verificare col collega.