Utente 424XXX
Gentili Dottori, in seguito a una biopsia, mi hanno diagnosticato una "follicolite e perifollicolite granulomatosa, con assenza di batteri o miceti" sul cuoio capelluto.
Il dermatologo mi ha dato una cura molto complessa e vorrei gentilmente una vostra opinione, se la condividete o meno.
La cura è la seguente.
Per uso esterno:
- MENADERM (beclometasone e neomicina) da alternare un giorno si e uno no con DALACIN T (clindamicina), entrambe applicate nella zona colpita;
Per uso interno:
- MIRACLIN (doxiciclina) 100mg, una compressa ogni 24h,
- NICOTINAMIDE IDI, una compressa due volte al giorno,
- LACTOBACILLI E PROBIOTICI VARI, per riequilibrare la flora intestinale (in caso di diarrea, che tra l'altro è arrivata).
Inoltre, lavaggio dei capelli con Restivoil Activ, 2/3 volte alla settimana.
Tutto questo per un mese. Con il divieto di esposizione ai raggi solari e di assunzione di latte, formaggi e latticini vari.
Secondo voi questa cura molto complessa è equilibrata e corretta?
Dal mio punto di vista posso dire che le croste e granulomi si sono sciolti e scomparsi già dopo 4/5 giorni di cura, ma il mio dubbio è se questa cura porterà a una guarigione o solo a una soluzione momentanea e pagliativa, con recidive appena smetto di prendere gli antibiotici???
Vi ringrazio dell'attenzione, gradirei molto la vostra onesta opinione, qualunque essa sia.
PS: Dato che a volte assumo integratori naturali per rafforzare le cure, stavo pensando di assumere compresse a base di echinacea e aglio, per aiutare il sistema immunitario, secondo voi queste sostanze possono modificare negativamente il funzionamento dei farmaci che già assumo, o sono ininfluenti?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
http://www.medicitalia.it/consulti/dermatologia-e-venereologia/534727-risultato-biopsia-cuoio-capelluto-follicolite-perifollicolite-granulomatosa.html
Non è la stessa persona? stranezze del web!:-)
Comunque si tratta di patologia cronica ad andamento cronico recidivante , e la terapia (la sua sembra certamente congrua) di regola blocca la progressione , e salva temporaneamente l'annesso , ma non guarisce (salvo casi rari).
cordialità