Utente 376XXX
Buongiorno,
dopo che mi è stata diagnosticata, anche in seguito ad un Holter pressorio, una "ipertensione lieve", da due anni seguo una terapia che mi è stata prescritta dal mio medico di base e che consiste in 2,5 mg di Nebivololo al mattino.
Per un po' di tempo la mia pressione è scesa intorno a 130-80.
Da circa tre/quattro mesi ho notato che al mattino la mia pressione è circa 140-90, poi nel corso della giornata scende a 130-80.

Ne ho parlato con il mio medico di base, che dice entro 140-90 non ci sono problemi e che devo continuare con la terapia che sto seguendo.
Vi chiedo se anche secondo voi in effetti non devo preoccuparmi, o se sia il caso di pensare a una variazione della terapia.
In quest'ultimo caso credo che la cosa da fare sia una visita dal cardiologo: è corretto?

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il dosaggio di nebivololo che lei assume e'... pediatrica in relazione al suo peso e superficie corporea.
Passi a 5 mg , che e' la dose normale per un adulto.
Tolga il sale dalla dieta, beva almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno e cammini almeno un 'ora al giorno

I valori rpessori si normalizzeranno (target 120/70 mmHg)

Arrrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 376XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio, dottor Cecchini, per la rapidissima risposta!