Utente 360XXX
Salve,

chiedo questo consulto per mia mamma..

ha 71 anni, ipertesa da quasi 40 anni ed è in fase pre-diabetica

ha effettuato una 20ina di gg fa una visita Cardiologica, dove è risultato tutto nella norma, poichè da qualche mese ha pressione un pò bassa.

La sua terapia di base è la seguente:

Triatec 2,5 mg 1 compressa al giorno
Prisma 50 mg 2 compresse al giorno
Spiridazide 25+25 mg 1 compressa al giorno
Cardirene 160 mg 1 bustina al giorno
Norvasc 5 mg 1 compressa al giorno
Sequacor 5 mg 1/2 compressa al giorno
Sivastin 20 mg 1 compressa al giorno
Tauro 250 mg 1 compressa al giorno


Poichè deve effettuare fra qualche giorno la visita diabetologica ha effettuato gli esami del sangue che hanno dato questo esito:

GLICEMIA 111
MICROALBUMINURIA 1,9
URICEMIA 6,70
HB GLICOSILATA 7,00%
TRIGLICERIDI 52
COLESTEROLO TOTALE 161
HDL 53
GOT/AST 46
GPT/ALT 44
CREATININA 0,69

GLOBULI BIANCHI 7740
" ROSSI 5510000
EMATOCRITO 46,6
MCV 84.6
MCH 30,1
MCHC 35,6
RDW 12,0%
PIASTRINE 151000
MPV 8,8
NEUTROFILI 4340
LINFOCITI 2480
MONOCITI 800
EOSINOFILI 100
BASOFILI 20

FORMULA LEUCOCITARIA

NEUTROFILI 56.1%
LINFOCITI 32,0%
MONOCITI 10,3%
EOSINOFILI 1,3%
BASOFILI 0,3%

Vorrei sapere in particolare cosa può essere la causa del CPK così alto?

Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Guardi,
non vedo alcun valore di CPK inserito tra gli esami.
Comunque sua madre assume una statina di I generazione e questa può provocare un aumento della CPK totale. Specie con le vecchie statine a torto ritenute più sicure di quelle di II generazione.

Inoltre vi è un evidente stato pre - diabetico, verosimilmente di II tipo data l'età e il peso della signora, che ci è sconoscuto.

Non ha messo accanto ai valori il range di normalità del suo laboratorio, per cui mi sono basato sui valori "standard".
Ha dimenticato di ricopiare l'Hb.
Se vuole una risposta puntuale, inserisca i dati mancanti, ancorchè le motivazioni dell'aumento della CPK gliele abbia già fornite.

Cordialità,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 360XXX

Iscritto dal 2014
GLICEMIA 111 (60-110)
MICROALBUMINURIA 1,9 (2,10-6,00)
URICEMIA 6,70 (2,10-6,00)
HB GLICOSILATA 7,00% (4,50-7, 00)
TRIGLICERIDI 52 (50-172)
COLESTEROLO TOTALE 161 (<200)
HDL 53 (>50)
GOT/AST 46 (0-40)
GPT/ALT 44 (0-40)
CREATININA 0,69 (0,60-1,30)
CPK 218 (26-140)

GLOBULI BIANCHI 7740 (4000-10000)
" ROSSI 5510000 (4200000-5800000)
EMOGLOBINA 16,6 (11,5-16,0)
EMATOCRITO 46,6 (37-47)
MCV 84.6 (80,0-96,8)
MCH 30,1 (27-33)
MCHC 35,6 (33-36)
RDW 12,0% (11-16,5)
PIASTRINE 151000 (140000-440000)
MPV 8,8 (7-13)
NEUTROFILI 4340 (1500-7000)
LINFOCITI 2480 (1200-3500)
MONOCITI 800 (0-1000)
EOSINOFILI 100 (0-500)
BASOFILI 20 (0-200)

FORMULA LEUCOCITARIA

NEUTROFILI 56.1% (42-75)
LINFOCITI 32,0% (20-51)
MONOCITI 10,3% (3-12,5)
EOSINOFILI 1,3% (0-7,0)
BASOFILI 0,3% (0-2)

All'ultima misurazione del peso era 72,8 kg ed è alta 1,64 cm

Dott. Caldarola spero di aver inserito tutto.

Mi può dire cosa può significare la Uricemia e l'Emoglobina alta?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Se sua madre è fumatrice l'emoglobina alta dipende dal fumo.
Se sua madre non lo è le possibilità sono due
- che sia disidratata, dal momento che assume una associazione di due diuretici
- che sia affetta da poliglobulia "primaria".
In tal caso è necessario, dopo averla ben idratata, sua madre deve bere almeno 2 litri di acqua frazionati nella giornata, ripetere l'emocromo ed eventualmente andare a visita ematologica.
Infine sua madre è sovrappeso ed è verosimilmente iperinsulinemica: il quadro glicemico potrebbe normalizzarsi semplicemente perdendo peso, il che si ottiene mangiando meno e muovendosi di più. Idem per l'iperuricemia che aumenta conla disidratazione.
La CPK non deve assolutamente preoccuparla.
Se fuma deve smettere assolutamente, sennò prendere tutte le medicine che assume non avrebbe senso.
Mi faccia sapere, se vuole.

Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 360XXX

Iscritto dal 2014
Grazie dottore.

Mia mamma non fuma.

Da maggio effettua una dieta ipocalorica 1300KCAL data dalla diabetologa (a visita dalla diabetologa era 77,5) solo ke mia mamma, presa dalla "paura" del diabete, a volte ha evitato proprio di mangiare e ha iniziato ad avere anche problemi di pressione bassa, scesa anche al di sotto dei 90/60.

Come detto nel primo post una ventina di giorni fa ha fatto la visita cardiologica, il cuore sta bene, ma gli ha modificato parzialmente la terapia sostituendo lo Zopranol 30 mg con il Triatec 2,5 e poi gli ha fatto sospendere momentaneamente il Norvasc.
Nelle ultime misurazioni la media si è alzata intorno ai 102/62.

Il 3 ottobre ha visita diabetologica.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Se sua madre sospendesse quell'inutile diuretico, starebbe molto meglio.
Ovviamente lei osservi le decisioni del suo cardiologo.
L'ipotensione che lamenta e l'aumento della Hb sono legati al diuretico non allo Zopranol.
E così l'Iperuricemia.
Quindi come le ho già spiegato la faccia bere molto.
Mi tenga aggiornato se vuole.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 360XXX

Iscritto dal 2014
Mi perdoni dott. Caldarola se ne approfitto della sua pazienza ma quando si riferisce al diuretico vuole indicare lo Spiridazide? E condivide la sospensione del Norvasc?

Grazie mille e mi scusi ancora.
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Se sua madre non è affetta da scompenso cardiaco, l'associazione del Norvasc con lo Zopranol 30, se controllava la pressione, prima che sua madre facesse il digiuno totale, andava continuata perchè più protettiva a livello cardiovascolare.
Si, francamente non capisco l'introduzione dello Spiridazide che insieme allo Zopranol era previsto facesse crollare la pressione.
Chieda le ragioni al cardiologo di sua madre, ne ha il diritto.

Saluti,
Dott. Caldarola.
[#8] dopo  
Utente 360XXX

Iscritto dal 2014
Dott. Caldarola volevo informarla della visita Diabetologica di mia mamma se non la disturbo troppo.

La dottoressa l'ha trovata disidratata come detto anche da lei per via della dieta un pò fai da te.

In linea generale ha detto ke sta meglio rispetto alla visita precedente sia per la glicemia ke per quanto riguarda il colesterolo. Bisogna solo cercare di portare l'HB GLICOSILATA sotto il 7.

Per quanto riguarda il cpk non ha voluto per ora cambiare la statina imputando la cosa forse al fatto ke mia mamma soffre di artrosi alle ginocchia (ha fatto una cura l'anno scorso ma attualmente non prende nulla a riguardo) non so se questo possa centrare qualcosa aspetto un suo parere.

Cmq in conclusione gli ha detto di seguire la dieta ke gli ha dato l'altra volta senza fare di testa sua e di bere molto e cmq stare attenta ovviamente ai cibi che contengono zuccheri e gli ha prescritto il Glucobay 50 mg da prendere prima di pranzo e cena.

Dott. Caldarola volevo un suo parere su quanto detto, sul farmaco prescritto e poi una cosa ke ho dimenticato di chiedere alla diabetologa quali tipi di frutta può mangiare e quali no?

Grazie ancora per la sua pazienza
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
- Statina: se la Collega ritiene che l'aumento della CPK dipenda da una sofferenza muscolare per l'artrosi alle gionocchia è un motivo in più per abbandonare la Simvastatina e passare a una statina di II generazione.
Le statine sono farmaci salvavita, riducendo del 30 % l'incidenza di infarto e ictus.

Il Glucobay è un farmaco in fascia C che nella mia esperienza non ha mai sortito alcun effetto, se non quello di dare meteorismo e flatulenza.
E' ormai obsoleto nella terapia del diabete mellito.
Molto meglio la Metformina di cui sono stati documentati effetti con studi ampi e validi e che riduce la resistenza isulinica e migliora molti parametri del diabetico.
E la dieta che va impostata con zuccheri a lento assorbimento.
Deve evitare la frutta molto zuccherina (uva, prugne, fichi ecc) anche se una prugna o un grappolino di 10 acini non si negano a nessun diabetico.
lei si attenga tuttavia scrupolosamente ai consigli, farmacologici e dietetici, della diabetologa.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.