Utente 424XXX
Buongiorno,
Circa 12 anni fa ho subito un piccolo inconveniente dovuto all'incassamento del collo a seguito di un tuffo in acque poco profonde. Al momento dell'incidente ricordo un dolore intenso tra collo e scapola e in più nella parte laterale sinistra del collo, dando una sensazione di pesantezza del capo e sbilanciamento/ridotta capacità di sostenimento del capo stesso. Negli anni a seguire ho sofferto spesso di cervicali ed emicranie concentrate, rispettivamente, quasi totalmente nella parte sinistra del collo/spalla e del capo. le cervicali si presentano sempre con una sintomatologia simile a quella dell'incidente: dolore forte e persistente nelle stesse zone, e ridotta capacità motoria e di sostenimento del capo. Ho sempre praticato attività sportiva come palestra, corsa e calcio. Da radiografie del rachide di qualche anno fa risulta: metameri in asse di regolare morfologia e struttura,spazi discali conservati, non coste spurie, riduzione della fisiologica lordosi. Da una "teleradiografia" del rachide in toto di circa10 anni fa (comunque posteriore all'incidente): scoliosi lombare sinistro convessa, non alterazioni oosteostrutturali a focolaio in atto, sovraelevazione dell'ala iliaca di destra rispetto alla controlaetrale di circa 11 mm. La domanda è la seguente: è possibile che un incidente simile abbia conseguenze simili e così protratte nel tempo? Avreste qualche consiglio su esami, terapie, trattamenti o medici specialistici di riferimento?

Grazie per la vostra disponibilità,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dovrebbe ripostare la sua richiesta in area ORTOPEDIA

Tanti saluti