Utente 424XXX
Salve, desidererei ricevere risposta ad alcuni miei dubbi. Mi presento: ho 21 anni, ho iniziato ad avere rapporti sessuali da qualche mese, alias sono alle primissime armi. Quasi sempre rapporti non completi. Preciso: non mi sento a disagio durante il rapporto, almeno non consciamente. Durante questi rapporti non completi di solito non manifesto problemi di erezione o eiaculazione(ho erezioni non soddisfacenti come quando mi masturbo, ma pur sempre erezioni). A volte avviene qualcosa di strano: mentre la mia partner continua a stimolarmi, si riduce la qualità dell'erezione anche abbastanza e quando succede eiaculo dopo molto tempo, anche un'ora (con un miglioramento repentino dell'erezione solo poco prima dell'orgasmo, nel tempo restante è poco soddisfacente) e se smette di stimolarmi, perdo subito l'erezione.

DOMANDA 1: è normale questo andamento dell'erezione? Cioè che se non vengo stimolato - in certe occasioni - perdo subito l'erezione e che non è sempre al top della durezza?

Quando ho avuto rapporti completi (meno di 5 volte) ho eiaculato dopo pochissimo (una decina di penetrazioni).

DOMANDA 2: In virtù della mia poca esperienza, può definirsi un problema di eiaculazione o è solo mancanza di esperienza e la durata migliorerà col tempo?

La mia partner, data la poca soddisfazione è capitato che mi abbia chiesto un secondo round, ma anche dopo 10-20 minuti non riesco ad avere una seconda erezione.

DOMANDA 3: la seconda erezione, vista la mia giovane età, è frequente che si abbia, o è solo un mito quello di fare più volte sesso di fila? Sono molto al di fuori del normale o è tutto nella normalità?

Grazie a quanti vorranno rispondermi!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

viste le numerose e specifiche domande che pone, le dico subito che, da questa postazione, è difficile chiarire dubbi e problemi così complessi.

A questo punto, come spesso ripeto da questo sito e vista la sua "giovane" età, approfitti di questi "disturbi-malesseri" e non sicurezze , per conoscere finalmente indiretta, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.