Utente 580XXX
ho già avuto il piacere di conoscere il vostro sito con domande sul rene multicistico di mia figlia, ora alcuni medici mi consigliano di asportarlo altri di monitorarlo nel tempo...
a parte la decisione giusta da prendere che non so come effettuare (nel senso che chi può dire se è meglio togliere il rene malato o monitorarlo, senza rischiare troppo?!?!)
in attesa di una visita più dettagliata ad anno nuovo, con l'occasione vorrei chiedere come avviene l'intervento su una bimba di 25 mesi (se dovessi decidere di fare l'intervento quale è l'età migliore per non traumatizzarla troppo e per la ripresa post operatorioa) e le metodologie dei due modi come vengono scelte se laparoscopia o maniera tradizionale...
l'anestesia può dare probremi, se sì quali? come sarà la ripresa, avrà dolore?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvatore Renzo Calabrese
20% attività
16% attualità
0% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Comprendo tutte le ansie e le perplessità di un padre con una figlia malata così piccola.
Tuttavia per quanto riguarda l'indicazione e le modalità dell'intervento deve rivolgersi ad un urologo di sua fiducia che solo con un rapporto diretto col paziente potrà espimere un giudizio.

Io, come anestesista posso dirle che l'anestesia pediatrica negli ultimi anni ha fatto passi da gigante: è possibile sottoporre ad interventi complessi anche bambini di pochi mesi o poche ore di vita.
I problemi che lei teme, cioè i rischi cui potrebbe andare incontro la bambina, le verranno chiariti dall'anestesita dopo un'accurata visita preanestesiologica.
Per quanto riguarda il dolore postoperatorio, sono disponibili metodiche di analgesia inta e post operatoria (ad esempio l'analgesia peridurale sacrale) che garantiranno a sua figlia benessere e assenza di stress dopo l'intervento.