Utente 425XXX
Buon giorno. Premetto che sono una persona molto ansiosa e ipocondriaca, ho i linfonodi infiammati da un mese e non so più cosa pensare. Tutto è iniziato un mese fa che mi recai dal mio medico per mal di gola, qualche linea di febbre e linfonodi del collo ingrossati. Mi guardò in bocca e dalla lingua bianca mi diagnosticó la candida e mi prescrisse due scatole Antibiotico Trozocina 500 più due scatole Diflucan risciacqui. Nel frattempo io peggioravo avendo anche linfonodi basso collo fino sotto ascelle doloranti ad intervalli. Nel frattempo feci le analisi : glicemia113, colesterolo tot 258, HD l 5,2, ormoni tiroidei nella norma, transaminasi ok, esame omocromocitometrico ok, neutrofili 72,0% e 6,6%., test mononucleosi negativa. Analisi urine ok e nessuna presenza di sangue nelle feci. Nel frattempo faccio l ecografia al collo con il seguente risultato: lobi tiroidei simmetrici per morfologia e dimensione, ecostruttura omogenea senza lesioni a focolaio, nessuna tumefazione linfonodale. Al terzo medio regione latero cervicale sinistra linfonodo di tipo reattivo diametro max 11mm, a destra altro mm8, al terzo superiore parotide di destra intraparenchimale mm8." Nel frattempo ancora dolori e ingrossamenti vari anche alla base del collo. Per il mal di gola feci una visita con l otorino che mi disse che la mia lingua bianca non era data da candidosi ma bensì da una probabile influenza intestinale. Vide anche che avevo il mal di gola dato da un reflusso gastrico. . Mi ha prescritto quindi dei fermenti e delle vitamine per sistemarmi in quanto secondo lui l antibiotico prescritto sopra la mia probabile influenza intestinale non ha fatto altro che peggiorare la situazione. Passata una settimana io ho ancora i linfonodi del collo infiammati, del bruciore dalla base del collo verso il seno e piccoli dolorini ( che per fortuna sembrano in diminuzione) dalla base del collo fino sotto l ascella. Il mio medico di base , senza visitarmi, mi dice "dolori muscolari" ma so che sono linfonodi. Intanto mi continua la diarrea con feci acquose. Datemi un consiglio vi prego, sono presa dagli attacchi di panico perché pensò sempre al peggio. Grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1) I linfonodi reattivi possono persistere ingrossati anche per periodi molto lunghi ed hanno scarso significato patologico.
Pertanto la sua comprensibile ansia non è razionalmente da considerare eccessiva.

2) Ora però in attesa che il quadro clinico si normalizzi non si rovini l'esistenza (^____^) cercando informazioni sulla rete su un tema così ansiogeno
Legga perchè dovrebbe staccare e le allego alcuni consulti, anche se richiesti su temi differenti, ma che hanno in comune...la cancerofobia.
http://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html
http://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-interna/485977/Linfonodi-collo-gonfi#2225113
http://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/481804/Retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni
http://www.medicitalia.it/consulti/Oncologia-medica/501083/Preoccupazione#2295319
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/linfonodi_sistema_linfatico.htm

Tanti saluti
Salvo Catania
[#2] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la sua risposta. Purtroppo al giorno d ' oggi se ne sentono tante di esperienze con brutte malattie, anche tra i giovani; cercherò , come ho letto ha consigliato ad altri, di tranquillizzarmi e sopratutto di NON leggere più informazioni mediche sui vari siti internet e di affidarmi completamente al mio medico di base. Grazie
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
[#4] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Buon giorno. A distanza di un po' di tempo, a quanto sembra la mia grossa infiammazione ai linfonodi era data da un ascesso con granuloma ad un dente devitalizzato che, trascurato , mi aveva portato a febbricciatola , linfonodi reattivi e malessere generale. Voi potete darmi un parere in merito? È possibile che il granuloma faccia tutto questo? Grazie
[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si è possibile
[#6] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Grazie
Buon lavoro
[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
[#8] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Buon giorno,
La disturbo un altra volta. Il problema non è passato. Il dente con relativo granuloma è stato tolto circa 20 giorni fa dove subito dopo mi è stata prescritta una scatola di Amoxiccilina. I sintomi di brividi lungo la schiena , la febbre pomeridiana al massimo 37.2 e questo dolorino ( non rigonfiamento perché mi controllo ogni giorno di continuo) ai linfonodi sotto orecchie e ogni tanto base del collo ma in modo sporadico. Al che presa da un attacco di panico pensando a varie malattie sono andata al pronto soccorso dove mi hanno visitato non riscontrando niente di particolare:
Leucociti 11.87 dove il max risultava 11.00
Eritrociti ok
Emoglobina 16.1 dove il massimo 16.00
Ematocrito ok
Vol. corpuscolare medio ok
Contenuto emoglobinico medio ok
Conc. Emoglobina media 36.4 dove max 36.00
Piastrine ok.
Sodio, potassio, glucosio e creatinina ok.
Proteine c reattiva < 0.3 su 0.0-0.5
Procalcitonina 0.03 dove indica da 0.05-0.5 infezioni locali e >0.5 infezioni sistematiche. Radiografia toracica ok.
Al ps mi dissero che molto probabilmente era un residuo del granuloma , che dovevo fare L' ortopanoramica dei denti e mi prescrissero in altra scatola di penicillina e che il valore dei linfociti non era rilevante. Io mi tranquillizzai un po' ma mostrando gli esami al medico di base mi fece notare che i globuli bianchi non erano a posto è presa dallo sconforto scoppia a piangere. Il mio medico a quel punto mi disse che ero "esaurita" e che avrei avuto bisogno di un consulto. Io risposi che se avessi le analisi apposto non ne avrei bisogno. Lei mi disse che avrei dovuto ripetere gli esami con emocromo. Ma io mi chiedo, Perché continuare con gli stessi esami e non fare delle ricerche specifiche su qualche virus o patologia in particolare? Nel frattempo continuo con brividi che mi ricordano di non stare bene, dolorini linfonodi e max febbre 37.00 al pomeriggio che poi si sistema e fastidi intimi tipo bruciore e pruriti. Secondo voi che specialista devo contattare?il ginecologo mi visiterà dopo Natale. Tutti questi antibiotici avrebbero dovuto debellare infezioni urinarie credo. E comunque possono coincidere con i miei sintomi? Sono disperata. Grazie