Utente 254XXX
Buongiorno Egregi, spero innanzitutto di aver scelto la sezione giusta ed espongo il mio problema. Nel mese di Luglio ho iniziato ad avvertire dei doloretti (bilateralmente) alle ghiandole situate sotto l'osso mandibolare posteriore, sotto i molari del giudizio per intenderci (che però ho estratto entrambi diverso tempo fa); siccome la cosa era accompagnata da un senso di malessere generale con sensazione di febbre, che non è mai risultata presente, mi sono recata prima dal medico di base e poi dalla dentista. Il primo, non riscontrando comunque tumefazioni, mi ha fatto eseguire gli esami del sangue di routine insieme a PcR e Ves, risultati tutti nella norma a parte la Ves leggermente aumentata; la dentista non ha riscontrato alcun problema, a parte secondo lei forti contratture ai muscoli del collo e del viso (sono bruxista e presento una disfunzione mandibolare bilaterale che sto cercando di tenere a bada con un bite). Dopo qualche giorno di Ananase il fastidio è passato. Circa un mesetto fa, ho iniziato ad avvertire un sapore sgradevole come se avessi la saliva salata, un gusto di bicarbonato costante notte e giorno e che non va via con nulla; questo sapore arriva dalla zona dei molari superiori, inizialmente solo da quella destra; sono andata dalla dentista che di nuovo non ha trovato problematiche dentarie, e poi dal medico di base che mi ha prima prescritto una cura con Domperidone e poi con Glutatione per depurare il fegato, ma non è cambiato nulla. Anzi, adesso il sapore salato arriva anche dai molari superiori di sinistra, e quindi è bilaterale; a volte mi sembra di avere poca saliva, e comunque quella che c'è è molto densa e vischiosa, sembrerebbe quasi muco trasparente. Inoltre, da qualche giorno mi è tornato quel fastidio sotto le ghiandole che avevo a Luglio e in più mi è sembrato che l'osso mandibolare sinistro, nella parte tra il molare del giudizio e l'orecchio, sia un po' più gonfio del destro e mi fa male. Inoltre, ho la sensazione di avere la febbre, ma la temperatura è sempre sui 36.3/36.5. Stamattina sono tornata dal medico di base che ancora una volta non ha riscontrato tumefazioni, nemmeno a sinistra, ma ha supposto un'infiammazione delle ghiandole salivari; mi ha quindi prescritto il Bentelan da assumere per sei giorni per poi effettuare nuova rivalutazione. Vorrei sapere da Voi se, alla luce della sintomatologia, l'iter proposto è corretto e di che tipo di infiammazione potrebbe trattarsi. Ringrazio sin da ora.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Orlando D'Isidoro
20% attività
8% attualità
16% socialità
SILVI (TE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2016
Gentile paziente,
penso che sia importante nel suo caso porre una diagnosi certa. Se il sospetto diagnostico si concentra sulle ghiandole salivari, Le consiglio di consultare un otorino che provvederà a prescrivere degli esami strumentali specifici. La terapia anti infiammatoria che ha intrapreso potrebbe risolvere i sintomi ma non intercettare eventuali patologie a carico delle ghiandole salivari principali.
In bocca al lupo!
[#2] dopo  
Utente 254XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera Dott. D'Isidoro, La ringrazio molto per la risposta. Quindi secondo Lei mi conviene comunque terminare la terapia e poi, indipendentemente da quello che dice il mio medico, rivolgermi ad un otorino? La ringrazio di nuovo.
[#3] dopo  
Dr. Orlando D'Isidoro
20% attività
8% attualità
16% socialità
SILVI (TE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2016
Le consiglio a questo punto di terminare la terapia e poi di consultare un collega otorino.in bocca al lupo!