Utente 127XXX
Buongiorno... Sono un ragazzo di 30 anni molto sportivo, da qualche periodo accuso un dolore fastidioso allo sterno solamente quando porto alla massima estensione le braccia, provo a fare flessioni e tossisco.
Se lo tocco o presso non ho nessun dolore, solamente che quando tossisco avverto tipo uno scricchiolio con annesso il fastidioso dolore allo sterno.
Premetto che geneticamente ho il petto dx leggermente asimmetrico ossia un po' escavato, non ho mai avuto nessun tipo di problema ne psichico, motorio e repiratorio.
Ho fatto l'elettrocardiogramma ed è tuttOk, infatti a priori cmq ho escluso un problema cardiaco.
Chiedo a voi consigli e cosa fare.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
8% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Le ossa del torace, limitatamente a sterno e coste, non appartengono all'apparato locomotore, e quindi non sono di competenza dell'ortopedico bensì del chirurgo toracico. Le suggerisco di farsi visitare da un chirurgo toracico perché è necessario capire bene la sede del dolore e valutare di persona lo "scricchiolio".
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD
[#2] dopo  
Utente 127XXX

Iscritto dal 2009
Mi sono recato presso un chirurgo toracico, mi ha diagnosticato la Costocondrite. Mi ha prescritto "Urbason 4mg" per la prima settimana 2 pillole una mattina e una sera, terminata la prima settimana la seconda solamente una la mattina associando anche una bustina al giorno di Donegal Plus per 60 giorni.
Durante l'assunzione dei farmaci stavo bene non avevo più nessun dolore, ma subito dopo aver finito la terapia con Urbason 4mg ho nuovamente gli stessi dolori di prima.
La cosa che mi turba è che non mi ha prescritto nessuna radiografia o esame per verificare di cosa si potesse trattare... ho ricontattato il dottore e telefonicamente mi ha detto di inizia nuovamente il ciclo di Urbason per altri 15gg sempre con le stesse modalità.
Voi da esperti che cosa.mi consigliate si fare?
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
8% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Per quanto riguarda le radiografie. Le ricordo che qualsiasi accertamento radiologico non serve mai al paziente, che ovviamente non ha gli strumenti per servirsene, ma serve solo ed esclusivamente al medico che l'ha prescritto, e mai "tanto per vedere se c'è qualcosa" ma solo ed esclusivamente per confermare o escludere un'ipotesi diagnostica oppure per approfondire una diagnosi già fatta. È quindi il medico a decidere se e quali accertamenti gli (=al medico) servano. Detto ciò, non esiste nessun accertamento radiologico né esame di laboratorio che siano specifici per la costocondrite, mentre ve ne sono nel caso che sia necessario fare diagnosi differenziale, cioè escludere altre possibili cause. Se lo specialista, dopo averLa interrogata, ascoltata e visitata, è certo della diagnosi, non ha bisogno di prescrivere esami. Il trattamento della costocondrite consiste in FANS e cortisone per combattere la infiammazione, e terapie fisiche per ridurre il dolore. Come le ho già detto, le patologie della gabbia toracica sono di competenza del chirurgo toracico, per cui dovrà postare il consulto nella sezione dedicata per avere eventuali ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD