Utente 425XXX
Gent.li Medici,

le fondamenta della casa in cui vivo poggiano su un terreno acquoso in vicinanza di un fiume nel fondo valle di una collina, questo la rende particolarmente umida soprattutto al piano terra.
Circa tre mesi fa ho chiuso tutto in occasione della mia partenza per le ferie estive, al mio ritorno il muro della cucina era infestato da muffa che ho ripulito con una spugna e candeggina senza prendere precauzioni (mascherina o altro).
Dopo un paio di giorni è cominciata una tosse secca e persistente soprattutto di notte, starnuti, cefalea e un acufene rombante all'orecchio sinistro.
Quest'ultimo sintomo mi ha debilitato parecchio e ho cominciato ad indagarne il motivo con una visita otorinolaringoiatrica, senza pensare agli altri sintomi e senza associarne la possibile causa alla muffa di cui mi ero addirittura dimenticata.
L'otorino mi diagnosticato una probabile otite media catarrale e prescritto una cura con spray nasale, mucolitico e antibiotico per 2 settimane.
Nei giorni successivi ho fatto caso anche ad altri sintomi, ovattamento auricolare, vista offuscata, confusione mentale, stanchezza, tutti sintomi che io associavo all'ansia che il maledetto acufene mi aveva generato.
A distanza di circa due settimane sono stata ospite dai miei genitori che vivono fuori regione e mi sono accorta che i sintomi si attenuavano e che l'acufene addirittura scompariva!
Appena di ritorno a casa mia l'acufene riprende... Sono passati mesi ormai e gli altri sintomi sembrano essersi molto attenuati, non ho più la tosse, ma è rimasto un leggero mal di testa che si presenta quasi tutti i giorni e il rombo nell'orecchio sinistro (meno forte che in precedenza).
Ho effettuato la prova trasferimento già 3 volte in questi mesi, a casa dei miei genitori l'acufene sparisce praticamente del tutto e riprende non appena torno a casa mia.
Ho visto anche un secondo otorino che ha prescritto un ciclo di cure termali e un neurologo (niente di anormale), ma ancora non ho risolto questo problema.
Quello che mi chiedo e che Vi chiedo è: Può essere la muffa per vie traverse la causa di questo problema all'orecchio?
Potrei essere allergica o intossicata? Come devo fare a scoprirlo, ci sono esami o test che ritenete utile che io faccia?

mille grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Claudio Ragno
24% attività
8% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
le allergopatie respiratorie possono essere responsabili di patologie del condotto uditivo, il mio consiglio e' effettuare una visita allergologica con eventuale prick test per inalanti mi faccia sapere
[#2] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Gent.le Dott. Ragno,
mille grazie per avermi risposto.

Farò come lei consiglia e le farò sapere.. mi rimane un dubbio:
se io non fossi allergica alla muffa potrebbe comunque essere l'intossicazione da muffa la causa dei miei disturbi anche a distanza di mesi?

Grazie