ernia  
 
Utente 240XXX
Gentilissimi

Sono ancora "disturbare" la community per tentare di dirimere gli ultimi dubbi su un'operazione di ernia inguinale. La mia situazione di salute è io"complessa ma non seria nè tantomeno grave" come ha detto un vostro collega e quindi ogni decisione mi mette ansia. Sopratutto quando ho parere discordanti.

Faccio un resumè. A seguito di accertamenti mi sono state diagnosticate punte di ernia inguinali bilaterali. L'ecografista e due chirughi diversi concordano. Non mi fanno "male", mi provocano fastidio. I dolori che sento forse non sono imputabili direttamente all'ernia ma forse ad altri problemi che ho alla muscolatura della parete addominale.

Il primo chirurgo che ho visto ha proposto subito di operare: più è piccola meglio è.
Il secondo dice che per lui non c'è nessuna urgenza di operare, l'ernia è all'inizio, consiglierebbe slip ortopedici ed un controllo in primavera.

Entrambi opererebbero un'ernia alla volta in laparotomia. Fin qui okey.

A questo punto sono molto in dubbio sui tempi. Ovviamente preferirei evitare l'operazione ma conoscendomi so anche che prima mi tolgo la cosa meglio è.

Se avesse ragione il secondo chirurgo ci sono delle negative a fare un'operazione "anticipata" (a parte ovviamente tutti i possibili imprevisti)?

So che è molto complicato ma potete aiutarmi a dirimere la questione?


grazie

A.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Dovrei visitarla per esprimere un parere.
Quando c'è un'ernia è sempre indicato l'intervento chirurgico.
Chiaramente gioca un ruolo importante la sintomatologia indipendentemente dalle dimensioni.

A questo aggiungo, tranne che lei non decida di operarsi privatamente, che un' ernia,come la sua,ha una classe di priorità bassa dove i tempi di attesa per l'intervento, anche se è eseguito in day surgery, sono di alcuni mesi.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 240XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta.

Sono consapevole che senza una visita nessun chirurgo può consigliare o meno un 'intervento.

Il dubbio che mi attanaglia è realtivo a cosa "rischio" a sottopormi ad un intervento non "strettamente "necessario o quantomeno non urgente. Sappiamo che un'ernia può essere chiusa solo chirurgicamente: nella mia condizione i fastidi presunti di quest'ernia possono sovrapporsi/confondersi con altri problemi più muscolari/reumatici.

Amici medici mi dicono loro prima di perarsi ci penserebbero bene, anzi. Alcuni con una situazione simile ma più asintomatica non prendono l'intervento nemmeno in considerazione.

Al momento non si può sapere se i doloretti(non invalidanti o impedenti)/fastidi che sento in zona inguinale siano dovuti solo all'ernia od anche ad un'inizio di spondilite (che stiamo indagando).

So che potrei aspettare, ma sbaglio se mi faccio operare subito?
grazie all'accreditamento già tra dieci giorni...


saluti

a.