Utente 250XXX
Durante i rapporti mi capita che se scopro interamente il glande, il frenulo si gonfia, diventando una sorta di sacchetto e mi diventa difficile proseguire il rapporto e devo attendere che questo sacchetto si sgonfi(in genere dopo qualche ora) per poter ricoprire il glande (non sono circonciso). Ho cercato di ovviare al problema utilizzando profilattici xl e non scoprendo interamente il glande, ma ovviamente la situazione non è del tutto soddisfacente. Da cosa può dipendere questo rigonfiamento? Ho notato la presenza di una vena sul prepuzio che viene un po' ad essere compressa quando scopro il glande, ma non so se può essere questo il problema. In passato, il dottore che mi visitò mi disse si poteva trattare di un eccessivo sfregamento, ma non credo, il frenulo inizia a gonfiarsi appena iniziato il rapporto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

in questi casi è sempre necessario valutare direttamente la situazione, tuttavia se il collega che l'ha già visitata ha ipotizzato ad un trauma questo potrebbe determinare il quadro che ci ha indicato, valuti insieme allo specialiste se servisse intervenire con una frenulectomia e quindi se lo ritenesse potrà ricontattarci.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 250XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dott. Maretti per la risposta. Purtroppo il dottore che mi visitò allora non era uno specialista, ma un medico di pronto soccorso (la prima volta che mi capitò temetti una perifimosi quindi mi recai al pronto soccorso) e sembrò sottovalutare il fastidio (che ormai ho da anni). A quale specialista mi consiglia di rivolgermi (andrologo, dermatologo, urologo)?
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Direi che è indifferente, dipende solo dalle competenze, si consigli con il duo medico che conoscendo il territorio le darà le migliori informazioni.

Ancora cordialità