cuore  
 
Utente 424XXX
Salve sono una ragazzo di 26 anni l'anno scorso ho scoperto di avere il soffio al cuore e mi sono fatto vari accertamenti ma è tutto nella norma. Ieri sera stavo un po male con lo stomaco, dopo aver bevuto una tisana ho iniziato ad avere una forte tachicardia. Non riuscivo a respirare tremore forte, sudorazione senso di vomito, e più ingoiavo e più mi stringeva forte la gola. Da premettere che sto passando un periodo bruttissimo in famiglia e mi sono anche agitato! Durante la serata mi prendeva a svenimento e ho iniziato ad avere dolori al petto quindi sono andato in ospedale. Dopo aver fatto un elettrocardiogramma hanno riscontrato una tachicardia sinusale e mi hanno consigliato di fare gli esami della tiroide. Mi hanno dato delle gocce di tranquillanti e mi sono ripreso. La pressione arteriosa era 135/74 e la frequenza cardiaca 134.00. Volevo sapere se era normale la forte difficoltà di respirare e soprattutto ora cosa dovrei prendere e che esami mi consigliate. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Guardi,
se si tratta di una tachicardia sinusale con CERTEZZA, mi pare proprio che lei abbia avuto un attacco di panico.
Che spiega la sensazione di morte imminente e di non poter respirare.
Gli esami della tiroide sono opportuni per escludere un ipertiroidismo.
Concludo: dire di avere un soffio al cuore non significa nulla se lei non m dice perchè il suo cuore "soffia".
Spero che abbia almeno fatto un Ecocardiogramma color doppler.
Infine per l'episodio descritto sarebbe utile, anche per sua tranquillità mentale, un Holter ECG/24h.
Ne parli con il suo curante e faccia sapere se vuole.

Buon week-end.
Dr. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Si dottore nel 2013 ho fatto un ecocolor doppler trans cranico. Diagnosi: IL TEST È STATO ESEGUITO MEDIANTE INFUSIONE ENDOVENA DI SOL.FISIOLOGICA AGITATA SEGUITA DA MANOVRA DI VALSALVA. È STATO EFFETTUATO UN CAMPIONAMENTO AL LIVELLO DELL' A.CEREBRALE MEDIA. IL TEST HA RILEVATO MOLTI SPIKES NEI 15 SEC SUCCESSIVI ALLA MANOVRA DI VALSALVA (CIRCA 20 M.E.S.) CONCLUSIONI: PRESENZA DI SIGNIFICATIVO SHUNT INTRA CARDIACO DX>SX, P.F.O DI GRADO LIEVE/MODERATO. Può derivare da questo l'attacco di tachicardia?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
No, se trattasi di tachicardia sinusale.
Ma lei, mi scusi, con un PFO di grado moderato ed uno shunt intracardiaco che cosa sta aspettando per chiuderlo?
Che le venga un TIA?
Spero che almeno assuma l'aspirina come profilassi.
L'intervento è miniinvasivo e in mani esperte per nulla complicato.
Inoltre lei deve fare un Ecocardiogramma color doppler almeno annuale...E' fermo al 2013!
Ne parli con il suo medico o cardiologo.

Buona giornata,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 424XXX

Iscritto dal 2016
Si assumo la cardirene da 75mg. Ho fatto questi esami nel 2013 in una clinica specializzata e all'avanguardia e mi hanno detto k la procedura era quella di non operare. Ora rifaccio tutti gli accertamenti e poi le faccio sapere. Grazie infinite! Buona giornata
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
A presto allora!
Buon week-end anche a lei.
Dr. Caldarola.