Utente 466XXX
salve gentilissimi dottori
sono un ragazzo di 23 anni, per ora sempre stato in salute, ringraziando il cielo...
premetto che sono un soggetto molto ansioso,
Volevo fare presente una cosa, ho sempre fatto attività fisica (con interruzioni a periodi, per problemi disorganizzativi e lavorativi), da piccolo ho svolto 2 anni di basket, mentre da quando ho 12 anni che continuo a praticare difesa personale...
sin da piccolo ho un leggero soffio al cuore, che secondo il mio medico non è assolutamente un problema, lo disse anche un dottore che mi fece una visita cardiologica (6 anni fa), tutto in regola, valori nella norma, soffio al cuore quasi impercettibile...l'unico consiglio che mi fu dato era quello di non mangiare troppo salato.
Da circa 2 mesi mi sono reso conto, che, ad esempio, quando vengo sbattuto a terra (sul tatami) come nel judo o qualcuno più imponente di me, mi arriva addosso (prendendo un bel colpo), il mio cuore incomincia a battere con delle accellerazioni improvvise, direi quasi irregolari a volte...ed ho la sensazione come se ogni tanto batte a vuoto...
questo mi spaventa moltissimo direi, infatti quando mi succede mi devo fermare bruscamente, inalando molta aria e dopo circa 4-5 minuti mi passa...
cosa potrebbe essere?
Un ringraziamento enorme in nticipo
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, l'attività fisica che lei pratica, comporta bruschi ed improvvise accelerazioni che ovviamente comportano analoghe risposte a livello cardiaco. E' probabile che in fasi particolarmente concitate degli allenamenti, l'attività cardiaca sia sottoposta anch'essa ad uno stress che facilita l'insorgenza benigna di extrasistoli, che le danno quella spiacevole sensazione di "battito mancante".
Al momento, le consiglierei di non allarmarsi in quanto il fenomeno da Lei avvertito è il più delle volte assolutamente benigno. E' ovvio però che nel caso queste sensazioni dovessero ripetersi e/o aumentare in durata, sarà necessario una visita medica/cardiologica più approfondita.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 466XXX

Iscritto dal 2007
grazie mille per la risposta immediata
Un cordiale saluto