Utente 399XXX
Salve vi scrivo per un mio parente, ha la cirrosi dovuta all' alcool, in ospedale gli hanno dato 5 mesi di vita, la milza è ingrossata, ha un ipertensione della vena porta, poche piastrine e in questi giorni ha cominciato ad avere edema, lo abbiamo portato a pisa i dottori dopo aver visto gli accertamenti ci hanno detto che non si può operare perché sarebbe morto in sala operatoria, ci hanno detto di continuare con i farmaci e ogni tanto di fare un ecografia per vedere se si forma qualche tumore, ma che ci fa con l'ecografia anche se si formasse un tumore senza trapianto non si può fare nulla ha comunque pochi mesi di vita, non capisco perché ci hanno trattato così? I dottori di campobasso ci avevano detto che tutto sommato stava bene e che per avere un trapianto una persona doveva arrivare proprio in fin di vita così per salvarlo gli avrebbero dato un fegato, ora perchè li ci hanno detto che è troppo tardi? mi potete aiutare? grazie. mi scuso per il disturbo, cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signore il trapianto di fegato è una terapia salva vita, ma bisogna vedere quali sono le condizioni con cui si affronta l'intervento chirurgico. E' da considerare che purtroppo tra il momento in cui il paziente viene visto dalla equipe trapianti ed il momento del trapianto passa del tempo e quindi se le condizioni sono già scadute è possibile che si sia giunti troppo tardi. In ogni modo i colleghi di Pisa sono in gamba e quindi è da tenere presente il loro giudizio, ma sono anche molto restrittivi nelle indicazioni e quindi può rivolgersi ad altri centri che potrebbero avere idee diverse sulla operabilità. Le consiglio per esempio il centro di Modena che è molto aperto in questo senso. Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio molto per la risposta. cordiali saluti.
[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Cari auguri a suo padre.
[#4] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
salve la ringrazio molto, è mio cugino che ha la cirrosi, volevo chiederle un'altra cosa, ci hanno detto che il trapianto si potrebbe anche fare ma che sono i farmaci immunosoppressori che potrebbero ucciderlo per questo non vogliono fare il trapianto è possibile questa cosa? io so che alcuni in fin di vita li salvano con il trapianto e in questo caso mio cugino non sta tanto male, è possibile che non vogliono fare il trapianto perchè i farmaci immunosoppressori possono ucciderlo nelle sue condizioni? grazie mille cordiali saluti.
[#5] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signore i farmaci immunidoporessori non possono uccidere suo padre a meno che non abbia un tumore diffuso. Possono essere difficili da usare alcuni se si ha una insufficienza renale, ma certamente non possono uccuderlo. Cordiali saluti