Utente 186XXX
Gentili Dottori,

scrivo questo consulto per mia madre di anni sessantadue. Ha un ipertensione arteriosa ed assume da sette anni Micardis 40 mg e Lobivon 5mg da 1/4. Da poco ha iniziato una dieta mediterranea da 1400 calorie per perdere circa 8/10 kg (158 cm x 78 kg). Premetto che non fuma. Assume Esapent (Omega 3) per ridurre i trigliceridi.

Le mie due domande sono:

1) Ha il glucosio a limite (100): alcuni studi dimostrano che la cannella è utile per ridurre la glicemia.
vorrei sapere se l' integratore Esi noglic con cannella da assumere prima dei pasti può essere d'aiuto a ridurre o non far alzare la glicemia ? O in alternativa che sostanze naturali consigliate ?

2 ) Oltre a ridurre gli zuccheri e svolgere attività fisica quali sono i cibi da evitare ?

Cordialità

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente, le proprietà del Cinnamomum Verum (Cannella) sono riportate in alcuni studi scientifici in cui si dimostra un miglioramento della risposta insulinica in termini di aumentata sensibilità, ma solo in animali da laboratorio ed in soggetti in pre-diabete. Pertanto il suo impiego può, per chi ci crede, essere da ausilio e sicuramente non sostitutivo della dieta, dell'incremento dell'attività fisica e dell'eventuale terapia farmacologica.
Per quanto riguarda i cibi da evitare, non esistono alimenti "cattivi" ed alimenti "buoni" ma la sana alimentazione prevede una dieta varia che abbia un contenuto controllato di idrati di carbonio (zuccheri). Le faccia evitare soltanto gli zuccheri semplici, le bevande zuccherate ed i cibi con troppi zuccheri, come i prodotti dolciari.
Le consiglio di non procedere per notizie sommarie la cui fonte scientifica non è nota ed eventualmente si affidi ad uno Specialista in Scienza dell'Alimentazione che le insegnerà, non a temere i cibi ma a comprenderne il corretto utilizzo.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dott. Manunta,

grazie per la risposta. Nella Città dove abitiamo, il Primario di Dietologia dell' Ospedale e un Gastroenterologo e nei tre centri privati più importanti anziché fare le diete un Medico specializzato in Scienze dell'alimentazione a volte sono dei Medici di base, questo a mio avviso è sbagliato perché non tutela i pazienti e anche i Medici Nutrizionisti. E come se il Gastroenterologo fa visite cardiologiche o viceversa.
Fatta questa breve premessa, credo che mia madre andrà a Roma a breve, da uno specialista in Scienze dell' alim.
Approfitto della Sua bravura e gentilezza per porLe tre ulteriori domande:

1) Mia madre va a camminare tre volte a sett. e ha iniziato a eliminare lo zucchero nel caffè-tè, a sostituire la farina 00-riso bianco con quello integrale a minor IG e con più fibre, ha ridotto pasta e pane e la carne aumentando la quantità di legumi e pesce (Sgombro). Credo sia già qualcosa, rispetto a un anno fa.

A colazione, cosa consiglia di mangiare ed è vero che i Corn flakes sono sconsigliati per chi ha la glicemia a limite per l'alto indice glicemico( IG) dei cereali ?

2) Oltre al Glucosio e curva glicemica e utile svolgere come analisi il Peptide C ?

3) Per ridurre i Trigliceridi, assume Esapent (Omega 3). E' preferibile assumerlo tutti i giorni per tre mesi come consigliato dal Medico di base o per dodici mesi come ci ha indicato il Cardiologo?

Grazie. Cordialità
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Utente, mi appresto a rispondere alle sue domande:
1) tre volte a settimana va benissimo, l'importante che l'attività fisica sia costante e duri almeno per 30-40 minuti .

I Corn Flakes possono anche andare bene... tutto sta nella modalità, nella quantità e nel tipo, ma in ogni caso, nelle caratteristiche soggettive di chi segue la dieta.
Tengo a precisare che anche la palatabilità e quindi il gradimento sono fondamentali per seguire e perseverare in un atteggiamento corretto!

2) Il dosaggio del Peptide-c può tornare utile solo in caso di dubbio riguardo la capacità secretiva del pancreas.

3) Mi sento di condividere il parere del suo cardiologo, anche se il suggerimento del suo medico curante non è sbagliato. Nel senso che molto dipende dall'obiettivi raggiunti a tre mesi e dalla compliance di sua Madre. Tuttavia anche i trigliceridi gioveranno della dieta a contenuto controllato di idrati di carbonio a prescindere dalla terapia con Omega 3.

Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Manunta,

Grazie molto per la Sua riposta davvero chiare ed esaustiva.

Le porgo gentilmente tre ultime domande:

1) La lecitina di soia presenti in molti biscotti, fa male perché è un Ogm o ha proprietà benefiche ?

2) è corretto preferire pane integrale o di grano duro al pane con farina 00?

3) mi da un consiglio alimentare per aumentare di peso senza aumentare i valori metabolico e che cibi devo preferire ? (182cm x 68kg). Eseguo una dieta mediterranea.

Cordialità
[#5] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signore, la lecitina di soia è una sostanza naturale ricca di omega 3, omega 6, inositolo, ferro, calcio, fosforo e colina, sicuramente degna di trovare posto nella nostra alimentazione. Ha la proprietà di aiutare a tenere sotto controllo il livello di colesterolemia, ma non può assolutamente sostituire un trattamento farmacologico laddove necessario. Se presa in eccesso può avere degli effetti collaterali, (come d'altronde qualunque sostanza presa in abuso), quali la nausea, la diarrea e la perdita di appetito. Non necessariamente è un'OGM, per essere sicuri di non sbagliare bisogna leggere attentamente le etichette.
Preferire gli alimenti integrali è sicuramente un modo di incrementare le fibre della propria dieta e quindi è certamente vantaggioso (a patto che gli alimenti siano davvero tali e non millantati).
Dare un consiglio alimentare per come richiesto, senza una valutazione clinica personalizzata è impossibile, anzi, diffidi da chi è disposto a fornirglielo in modo impersonale. Sono certo che nella sua città siano presenti Specialisti in Scienza dell'Alimentazione che potranno indicarle un programma nutrizionale personalizzato .
Cordiali Saluti
[#6] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Manunta,
Grazie per la riposta, Le faccio i complimenti..
Quindi se nei biscotti troviamo la dicitura emulsionante lecitina di soia posso acquistarli.. Giusto ?

Ho una tosse secca da circa un anno , credo dipenda dal Micardis che assumo per l ipertensione e da un reflusso Ge avuto in passato ma che ore sembra nn essere presente.
Il medico di base mi ha consigliato l hepicor cr.
Che esami posso fare per capire la causa della tosse secca ?

Cordialità