Utente 425XXX
Salve esperti vi spiego il mio caso: ho avuto 5 settimane fa un trauma al testicolo (pallonata,neanche troppo forte),dopo un po di dolore iniziale e dopo un paio di giorni di dolore il problema sembrava rientrato,il dolore era assente tant è che ero tornato a calcare i campi (di tennis questa volta)senza problemi. Tuttavia dopo una settimana,in particolare la notte ( in seguito a una sauna e una idromassaggio fatte nel pomeriggio) mi sono svegliato con un dolore fortissimo,non troppo localizzato,ma in generale riguardante testicolo e inguine. Recatomi dal medico di fiducia mi ha consigliato una ecografia,fatta dopo 7 giorni che mi ha portato tale esito : LIEVE ISPESSIMENTO DELLA REGIONE FUNICOLARE DI DESTRA DA BLANDI FENOMENI INFIAMMATORI. In effetti il problema ora è solo fastidio misto a dolore al testicolo,tuttavia essendo passato ormai un mese dalla notte in cui il dolore acuto si presentò continuo ad essere preoccupato. I miglioramenti sembrano lentissimi. Possibile che ci voglia tempo per rientrare il tutto? Il mio medico è molto preparato e mi ha sempre consigliato bene,mi ha dato un anti-infiammatorio ma la situazione non è migliorata gran che.cosa mi consigliate? Premesso che se anche questa settimana continuerò ad avere problemi farò una visita da uno specialista,voi cosa pensate che sia? vorrei un vostro parere grazie
[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gent.mo utente

l'ecografia ha evidenziato una reazione infiammatoria in corso d'opera e pertanto la terapia antiinfiammatoria che le ha consigliata il suo medico è stata corretta ma forse avrebbe dovuto continuare per più tempo, si confronti con lo specialista e se poi servisse ci faccia sapere.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Salve gentile dottore. Sono andato in visita da un andrologo che mi ha dato una cura di 10 giorni,in particolare antibiotico e antinfiammatorio + un integratore alimentare per drenaggio fluidi.Nonostante questo il dolore non cessa,e sto iniziando a pensare che forse il motivo del mio male sia qualcos'altro,anche se l'ecografia ha evidenziato solo la sopracitata infiammazione. Poichè questo dolore persistente non si è presentato immediatamente dopo la botta ma una settimana dopo (in particolare dopo 20 min di sauna) è possibile che il mio dolore derivi dall'irritazione di qualche vena a causa anche del grande calore? non so piu cosa pensare,in questi giorni richiamerò lo specialista. Io temo sia qualche cosa che non è stata vista dall'ecografia,in tal senso quali esami sono i piu indicati per osservare eventuali problemi al testicolo? una semplice piccola infiammazione da trauma non dovrebbe cessare dopo 2 mesi e 10 gg di cure? che ne pensa? grazie dell'attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Penso che una infiammazione non si debba trattare con un antibiotico e comunque la sua sauna può aver accentuato l'infiammazione già esistente causandone dolore. Ripeta ecografia in altro centro per una verifica incrociata e poi si consulti con lo specialista.
Ancora cordialità
[#4] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Salve,nuovo aggiornamento: sono passati ormai piu di due mesi dall'insorgere del dolore, la cura che avevo menzionato che mi aveva assegnato lo specialista non ha dato grandi risultati,cosi lo stesso dottore mi ha consigliato di assumere per almeno 15 gg l'integratore ADL flog plus. Tuttavia dopo 16 giorni in cui sto assumendo tale integratore due volte al giorno, i miglioramenti sono marginali e molto lenti. il dolore si è trasformato in un fastidio che tuttavia è abbastanza costante durante la giornata,e in ogni caso durante l'auto palpazione sento il testicolo dx abbastanza dolente. Sto iniziando a perdere fiducia nell'andrologo che mi sta osservando, volevo sapere da voi esperti se è il caso di operare nuovi esami, e se in tal caso rifare un esame ecografico oppure qualche esame che scavi piu a fondo, tipo risonanza magnetica o tac. Confido nella vostra esperienza grazie. Distinti saluti.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente
per fare una diagnosi serve la visita ed eventualmente un'ecografia testicolare quindi nel suo caso provi a confrontarsi con un altro specialista.

Ancora cordialità
[#6] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Nuovo aggiornamento : oramai dopo 4 mesi il dolore continua a persistere,anche se leggermente diminuito. In realtà il precedente dolore prevedeva l'epididimo dx molto dolente, e durante la giornata numerose fitte molto dolorose...ora l'epididimo continua a essere un po' dolente all'autopalpazione ma non ho piu nessuna fitta,tuttavia ho un senso di malessere dell'area interessata che è continuo durante la giornata.Premetto che ho fatto prima delle feste natalizie nuovi esami da un altro urologo ( molto famoso,non so se si possono fare nomi e cognomi ma è viceprimario di un ospedale) che mi ha visitato con le sue strumentazioni (eseguendomi probabilmente un ecodoppler) da cui non è uscito assolutamente niente a carico del testicolo dx, mentre è uscito un varicocele al testicolo sinistro, varicocele che tuttavia mi ha spiegato il dottore è insorto già da tempo. La cura a cui mi ha sottoposto è stata SIBEN compresse. Ora la domanda che vi pongo è: poichè questo varicocele (che visiterò di nuovo prossimamente e,qualora fosse necessario opererò) è,da come parla il dottore, "vecchio", mentre il mio dolore ha avuto una motivazione prima traumatica e poi manifestatosi la notte dopo una sauna fatta nel pomeriggio,e dato che il dolore e il varicocele riguarda due testicoli diversi, le due cose possono essere collegate? a me sembra strano visto che il medico mi ha detto che il varicocele è insorto sicuramente da tempo, e in piu io fino all'episodio/episodi che mi ha portato dolore non avevo nessun sintomo. E' possibile che dopo trauma e sauna , il forte dolore scaturito quella maledetta notte ancora non passi nonostante le cure e il tempo passato? Grazie, distinti saluti
[#7] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

da questa postazione non abbiamo la possibilità di verificare la situazione del suo testicolo dolorante certo è che tra l'ecografia e la sua dolorabilità qualcosa non torna infatti con l'ecografia è possibile riscontrare lo stato infiammatorio del suo testicolo che a quanto pare non si vede, mentre per il varicocele individuato non c'è correlazione con il suo sintomo dell'altro testicolo.

Un cordiale saluto
[#8] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottore grazie per la pronta risposta. Farò prossimamente un nuovo esame ecografico in un altro centro. Nel caso c'è qualche altro esame che posso fare per "scovare" il problema che ormai mi duole da 4 mesi oltre a quello ecografico? grazie
[#9] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
per il momento serve ecografia e un buon specialista che sia in grado di "scovare il problema ".

Cordialità
[#10] dopo  
Utente 425XXX

Iscritto dal 2016
Nuovo aggiornamento : ho eseguito oggi un nuovo controllo , ecografia e ecocolordoppler a entrambi i testicoli. Al testicolo destro ormai ho solamente un lieve fastidio che spero e credo possa cessare prossimamente, e gli esami hanno rilevato un po di liquido nello scroto dovuto alla precedente infiammazione,in sostanza un idrocele. Per quanto riguarda il varicocele al testicolo sx il dottore mi ha detto che si tratta di un varicocele di secondo-terzo grado( su una scala da 1 a 5),ha detto di tenerlo sotto controllo e rifare una visita tra qualche mese piu un esame dello sperma e decidere insieme al mio urologo se operarlo o meno. Mi affido ancora a voi gentili dottori per porvi due domande : 1- l'idrocele post infiammazione si riassorbirà da solo? devo quindi solo continuare ad aspettare? avete consigli utili? 2- concordate che per varicocele di 2'/3' grado la miglior soluzione sia quella di "controllarlo" e magari dopo un esame dello sperma intervenire chirurgicamente? di solito "a quale grado" viene operato? Grazie mille per l'attenzione
[#11] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
per l'idrocele dipende da quanti ml sono stati identificati, tuttavia una terapia antinfiammatoria potrebbe essere d'aiuto, per il varicocele non serve controllarlo, serve fare un esame seminale e un dosaggio ormonale (FSH,LH, Estradiolo, PRL, Testosterone tot.) e quindi in base a questi dati si stabilirà se intervenire oppure se monitorarlo attraverso il solo esame seminale.

Un cordiale saluto