Utente 425XXX
Stimatissimi dottori buonasera,
è da febbraio che soffro di dolori al petto lato sinistro. Fino a qualche mese fa erano accompagnati da formicolio al braccio ed alla mano sinistra. Premetto che due volte a settimana facevo delle partitelle a calcio. Da quando sono iniziati questi dolori ho smesso. Una sera, nel mese di marzo per i forti dolori mi sono recato al pronto soccorso. I test svolti, consistenti in rx torace, ecg e analisi degli enzimi ripetuti più volte nel corso delle dodici ore che mi hanno trattenuto, sono risultati negativi. Successivamente ho fatto un ecg da sforzo anch'esso risultato negativo. Questi dolori sono continuati con cadenza di quattro-cinque giorni a settimana. Oltre a questo disturbo, la sera dopo cena sentito come se il cuore saltasse nel petto. Pertanto il mio medico di famiglia mi ha prescritto un esame endoscopico allo stomaco. Da quest'ultimo è emerso che ho una piccola ernia iatale da scivolamento, gastrite e duodenite bulbare. Ho preso delle vitamine su prescrizione di un ortopedico ma ancora oggi ho questi dolori a accompagnati talvolta da fame d'aria. Ho fatto in questi giorni la prima partita di calcetto da febbraio e per i primi 15 - 20 minuti ho avuto forti dolori alla parte alta del petto sinistro che sono successivamente spariti fino alla fine della partita. Ho fatto anche un risonanza magnetica alla cervicale dove sono emerse delle protusioni. Voglio infine specificare che i dolori a volte li avverto quasi sotto l'ascella ed anche più spostati verso il centro del petto. Non saprei più cosa fare per capire l'origine di questi fastidi. Si può escludere un problema cardiaco?

Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I dolori che le riferisce , pur con i limiti del rapporto telematico, non paiono essere di pertinenza cardiologica.
E' versomile che siano una cervicobrachialgia o ad una periartrite scapolo omerale, dato anche l'esitop degli esami cardiologici da lei effettuati.
Dato il suo sovrappeso sconsiglio di giocare a calcio come sport.
E' importante che lei cammini a passo svelto per un'oretta al giorno.

Arrivederci

cecchini