Utente 790XXX
Gentilmente ho questo dubbio: ho effettuato un test hiv presso una struttura privata ricevendo il risultato il pomeriggio stesso del giorno in cui ho fatto il prelievo.
La cosa che mi ha lasciato un attimo perplesso è la modalità del prelievo: mi hanno prelevato il sangue con una siringa e lo hanno poi riversato in una provetta aperta che poi suppongo sia stato portata ad analizzare.
Ritenete che un test del genere possa essere attedibile? Lo chiedo xchè finora in quelli che ho fatti presso la Usl il sangue era sempre estratto e contenuto in provette chiuse e so che il virus muore dopo breve a contatto con l’aria.
Grazie!
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
16% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
Per maggior sicurezza rieffettui l'esame in struttura pubblica tenendo presente che se effettuato perchè si è avuto rapporto a rischio, va fatto a 100 giorni di distanza dallo stesso.
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 790XXX

Iscritto dal 2008
ma quindi ritiene che viste le modalità di effettuazione il risultato potrebbe essere falsato? poichè il test ricerca gli anticorpi e l'antigene p24 questi muoiono a contatto con l'aria o è solo il virus a morire a contatto con l'aria?
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
16% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
Se ha dei dubbi, come già dettole, rieffettui il test, anche perchè i falsi negativi o falsi positivi si possono avere anche se fatte le cose nel giusto modo.
Cari saluti