Utente 599XXX
Salve, mia madre età 82 anni, da otto mesi soffre di pressione alta, ora controllata con i seguenti farmaci: una compressa al mattino di Candesartan 32 mg e ¼ di compressa la sera dopo cena di lopresor 100 mg. Per il cuore prende Cardirene 75 mg dopo cena, e per migliorare la circolazione periferica alle gambe prende una compressa di Prisma 50 mg al di.

Dalle ultime analisi fatte è venuto fuori un valore esagerato di azoto nel sangue, premetto che anche l’anno prima l’azoto era di 70 mg/dl, ma non soffriva di pressione alta. I valori di adesso sono:

AZOTOMIA 100 mg/dl (15 – 43)
CREATININA 1,08 mg/dl (0,50 – 1,00)
GLICEMIA 100 mg/dl (70 – 100)
URICEMIA 8,0 mg/dl (2 – 6)
COLESTEROLO TOT. 151 mg/dl (100 – 200)
CPK (CREATIN FOSFOCHINASI) 106 U/l (29 – 168)
SODIO PLASMATICO 139 mmol/L (136 – 145)
POTASSIO PLASMATICO 5,00 mmol/L (3,5 – 5,1)
CALCIO PLASMATICO 9,50 mg/dl (8,4 – 10,2)

Creatinina Clearance
Diuresi 24h 2.900 ml/24h
Volume/minuto 2,01 ml/24h
Creatininemia 1,08 mg/dl (0,57 – 1,11)
Clearance 264,79 ml/minut (95 -170)

L’ecografia reni e surreni dice:
L’esame ETG documenta un rene destro a sede minimamente ptosica, di dimensioni ai limiti (DL 10.5 cm), con scarsa differenziazione cortico-midollare e morfologia alterata per la presenza di almeno due formazioni cistiche corticali, a sede polare inferiore, di dimensioni immodificate rispetto al precedente ultimo, eseguito in altra sede e portato in visione.
Rene sinistro in sede, DL 9,5 cm, con scarsa differenziazione cortico-midollare.
Non patologica ectasia delle strutture calico-pieliche, bilateralmente.
Vescica discretamente distesa da urina, non evidenzia patologia di parete e/o endoluminale.


Per diminuire i livelli di azoto nel sangue mi hanno consigliato di far bere almeno 2 litri di acqua al giorno e di ridurre il consumo di carne e pesce e latticini, ma mia madre da sempre consuma pochissima carne e pesce e latticini, a pranzo prende solo un primo e a cena spesso consuma pane insalata con un pochino di secondo, qualcuno mi ha anche suggerito di bilanciare i pasti diminuendo i carboidrati e aumentando le proteine.

Ringrazio anticipatamente, chiunque volesse darmi delle dritte su come affrontare e risolvere il problema dell’azotemia alta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Piero Mignosi
24% attività
12% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gen.mo Utente,
in riferimento a quanto da Lei evidenziato relativamente al caso clinico di Sua madre, pur con i limiti del consulto a distanza, preso atto dei valori ematochimici e del referto ecografico renale riferiti, si evidenzia quanto segue:
-l'incremento del valore dell'azotemia ( 100 mg/dl) , in presenza di un valore di creatininemia nella norma (1,08 mg/dl) verosimilmente è da attribuirsi a uno stato catabolico instauratosi per una non corretta alimentazione ,in termini quali-quantitativi, ma soprattutto in termini calorici. Altresì, altra possibile concausa potrebbe essere una non idonea idratazione per scarso apporto idrico ;
- il valore della Clearance della Creatinina (264,7 ml/min) non è da prendersi in considerazione ,verosimilmente per mero errore di trascrizione;
- la riferita diuresi/24 h. di 2.900 , a naso, nel contesto clinico generale sembrerebbe essere frutto di incongrua metodica di raccolta;
-ecograficamente sono presenti i segni morfologici compatibili con una Insuff. Renale Cronica (IRC) , maggiormente evidente a sx.

In sintesi, tenendo conto dell'età, sarebbe opportuno assicurare una adeguata idratazione (1,5-2 l./die) e assicurare un adeguato apporto calorico con un apporto proteico giornaliero adeguato allo stato di IRC presente.
Utile attenzionare lo stato di iperuricemia riferito (8 mg/dl) con idonea terapia .
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 599XXX

Iscritto dal 2008
Ill.mo Dott. Piero Mignosi,
grazie alla sua celere risposta, adesso, ho un po’ le idee più chiare. Stamattina sono stato dal medico di famiglia, dove ho attenzionato come da lei suggerito lo stato di iperuricemia, il medico ha prescritto mezza compressa al giorno di Allopurinolo teva 300 mg.

Adesso nella dieta di madre non mancano più i due litri di acqua al dì. Come affermato al primo post, la dieta è ricca di carboidrati ma povera di proteine, cosa si potrebbe modificare nella dieta per ridurre i livelli di azotemia?


In attesa di una sua risposta le invio i miei più cordiali saluti.