Utente 408XXX
Gentili Dottori,
vi chiedo un parere sul tema in oggetto.
Due settimane fa mi hanno diagnosticato tramite visita che avevo un reflusso gastroesofageo. Sono in cura da un gastroenterologo che mi ha prescritto peptazol 40mg la mattina e gastrotus dopo pranzo e cena, e prima di coricarmi (oltre alle classiche indicazioni sullo stile di vita e dieta).
I sintomi sono dolori al petto, stomaco e soprattutto palpitazioni, tachicardia, e "sento" i battiti del cuore in petto, (a volte anche giramenti di testa).
Elettrocardiogramma eseguito e il cardiologo non ha evidemziato problemi con battiti 85 Bpm quindi nella norma.
La cura mi sembrava funzionasse, stavo meglio, ma negli ultimi giorni, al rientro dalle vacanze, ho avuto un peggioramento, aumento delle palpitazioni (e del "sentire" i battiti del cuore in petto)
La mia domanda è questa: mi confermate che il reflusso può portare questo tipo di problemi cardiaci? Ritenete che alla lunga il cuore potrebbe essere affaticato da questi problemi? Sono questi i sintomi da reflusso?La cura è giusta?
Sono un ragazzo di 18 anni e sono molto ansioso...
Posso inviare anche tracciato ecg per rendere conto..
Sono molto preoccupato e vi sarei grato di un vostro parere.
Grazie, cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I disturbi che lei riporta sono effettivamente suggestivi per un reflusso gastroesofageo, ma questo va dimostrato con la gastroscopia.

Nessuno , con la semplice visita puo' sapere se lei abbia una esofagite od una ernia jatale.

Quindi esegua la gastroscopia per una diagnosi precisa.

Cordialita'

cecchini
[#2] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille dottore per la veloce risposta.. volevo chiederle inoltre che il mio cardiologo mi ha detto che nell'ecg e normale ma c'è un lieve ritardo della conduzione intraventricolare destra.. mi devo preoccupare o è un dato che legge l'ecg?
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
E' una variante edlla normalita', quindi di nessun significato

Arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille..
Un ultima domanda...
Queste palpitazioni posso portare più in là problemi al cuore oppure no?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
no, tranquillo

cecchini
[#6] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille e arrivederci dottore
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
E' una variante edlla normalita', quindi di nessun significato

Arrivederci

cecchini