Utente 237XXX
da circa due anni negli esami sangue mi trovano valori di glucosio a digiuno 101, 103 e 102 . insieme a quest'ultimo ho fatto come consigliatomi emoglobina glicata per la prima volta e i valori sono 43,2 e 6,1.
non ho fattori di rischio particolari come obesità o pressione alta invece fumo , sedentarietà ,poca attività fisica e alimentazione si trigliceridi 218 ma in genere sotto 180 col ldl 116 hdl 52 tot 211
non bevo eccessivamente e mai fuori pasto rarissimamente superalcolici alla sera.
cosa potrei fare per rientrare nei valori di glicemia ottimali che ho sempre avuto in precedenza?
cioè mai sopra 95
grazie per consiglio che intendo attuare scrupolosamente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente, i valori di glicemia a digiuno da lei indicati, la inquadrano in una condizione di "ALTERATA GLICEMIA A DIGIUNO" (IFG), ma se sia presente anche un' INTOLLERANZA AGLI IDRATI DI CARBONIO (IGT), cioè di valori glicemici dopo due ore dal pasto compresi tra 140 e 200 mg/dl, non è possibile stabilirlo, mancando i dati post-prandiali. Il valore di HbA1c in ogni caso consente di affermare che anche se presente, questa condizione di dis-glicemia è qualcosa di recente.
Il mio consiglio è quello di correggere la sua alimentazione con la supervisione di uno Specialista, visto che l'ipertrigliceridemia mi porta a pensare che la sua sia sbilanciata a favore dei carboidrati.
Dopo due mesi di dieta corretta, riesegua gli esami, solo allora sarà possibile stabilire cosa sia meglio per lei.
Cordialmente.