Utente 418XXX
Salve a tutti gli specialisti che mi risponderanno! Sono un ragazzo di 25 anni 70 kg circa, non fumatore e astemio. Non è facile riassumere tutta la mia storia che ormai dura più di 3 mesi. Cercando di farla breve durante i primi giorni di luglio ho accusato una tachicardia o per meglio dire un cardiopalmo ovvero avvertivo il battito del cuore. Successivamente questa sensazione è andata a terminare ma purtroppo a seguito di un periodo di forte stress per motivi familiari e personali ho iniziato ad avvertire alcuni sintomi diversi principalmente come sensazione di testa vuota, sbandamento e percezione di smarrimento. A seguito di questi sintomi ho effettuato esami del sangue e una Tac encefalo. Entrambi gli esami sono risultati negativi. ( Ho anche richiesto un consulto già qui nella sezione neurologia appunto per alcuni chiarimenti ) successivamente alla tac ho effettuato una visita neurologica anche questa risultata negativa e nella norma. Purtroppo in tutto questo tempo però i sintomi non sono passati o meglio sono cambiati, quelli elencati sopra devo dire che non ci sono più o sono comunque molto diminuiti, da circa un mese però avverto questa fastidiosa tachicardia associata in diversi momenti da sensazione di mancanza d'aria ( da precisare che non vengono mai insieme, quando ho la tachicardia non ho la mancanza d'aria e viceversa ) che mi attacca in diversi momenti della giornata. Il tutto mi ha portato a recarmi più di una volta al pronto soccorso dove hanno diagnosticato disturbo da attacco di panico. 20 giorni fa ho effettuato gli ormoni tiroidei anche questi risultati negativi. Ieri per tranquillizzarmi ulteriormente ho effettuato una visita cardiologica con ECG e Ecocuore con doppler. Alla conclusione della diagnosi il cardiologo mi ha detto che la visita è negativa e ha scritto " No sintomi o segni di Cardiopatia". Gli ho chiesto se potevo tornare a fare la vita che facevo prima ovvero andare in palestra e giocare a calcetto perché credetemi non è facile con questa paura che mi possa accadere sempre qualcosa e lui ha detto che posso tranquillamente fare questa attività. Purtroppo però la tachicardia continua a scandire le mie giornate. Ho pensato ad un problema gastrico perché diciamo che quando finisco di mangiare sento il battito ad altezza dello stomaco ma devo anche dirvi che in realtà questa sensazione l'avverto anche in altri momenti della giornata. Il cardiologo ha detto che secondo lui non ci sono problemi di stomaco. Quello che vi chiedo è se sono necessari altri esami oppure se posso chiudere qui questa lunga trafila di esami e tornare tranquillamente a fare la vita di prima. Dopo una visita cardiologica completa negativa posso effettuare attività fisica? Grazie a chi mi risponderà!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Può' tranquillamente chiudere la cosa.
Si tranquillizzi ed eventualmente chieda un consulto con uno psichiatra per curare gli attacchi di panico

Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 418XXX

Iscritto dal 2016
Gentilissimo Dottor Cecchini la ringrazio per la velocissima risposta! Sono già stato a colloquio da uno psichiatra, credo proprio che dovrò affrontare con lui un periodo di sedute per risolvere il problema! Grazie ancora. Buona serata!