Utente 394XXX
Buonasera cari MedicItalia!
Il mio problema continua e continua.E possibile dieci mesi con vari visite e vari esami ancora non si sa una diagnosi precisa .prostatite acuta,prostatite cronica batterica,prostatite cronica abatterica.....oppure qualcos" altro.
Ho 46 anni. Volevo fare qualche domande a voi specialisti :
Prostata lievemente ingrossata puo causare la prostatite?
Come spiegate che i medici a volte mi scrivono antibiotici a volte no?
Ultimamente sono in cura antibiotica per 28 gg(levofloxasina) Il primi dieci gg sentivo meglio,durante la cura avevo una volta l"eiaculazione dolorosa(con fite alla prostata) e bruciore al inizio di minzione,durante la cura antibiotica non devo avere rapporto?
In che cosa si tratta il dolore durante e dopo l"eiaculazione?
E normale questi dieci mesi i dolori ed bruciori vano e vengono ma il dificolta di stare seduto e sempre presente,mi siedo una volta di parte sinistra una volta da parte destra?
La prostatite si fa male anche tocando da esterno la zona perineale?
Ho i dolori in zona perineale si come si tratta di una trauma,si puo capire un medico urologo con palpazione retale se si tratta di una prostatite o tumore prostata(fin adeso quatro volte palpazione diversi medici,sempre calda e dolorosa)?
Queste domande i medici curanti non mi hanno spiegato che ciedo da voi dalla distanza un aiuto.
Altri sintomi:
minzione frequente
eiaculazione dolorosa
ritardo di iniziare a urinare
zona perineale dolorosa
punto di glande leggermente arossata
Escludo problemi vescica e uretra normali (cistoscopia e cistografia retograda e minzionale ) risultano nella norma.
Grazie per un vostro aiuto!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gentile lettore , tutti i medici che l'hanno visitata sono stati concordi nel porre la diagnosi di prostatire e in effetti i disturbi che lei riferisce sono concordi con questa diagnosi. Purtroppo la prostatire cronica si chiama così perché tende a mantenere i sintomi per lungo tempo nonostante le diverse terapie che vengono prescritte al fine di cercare di risolvere il problema . Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille Dr.Mario!Non è ancora certo la lieve ipertrofia prostatica puo causare la prostatite,perche altra causa non abiamo trovato!
[#3] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Ipertrofia prostatica e prostatite sono due entità distinte che possono coesistere. Esiste la prostatite batterica , quella abatterica, la prostatodinia ecc. l'argomento è molto complesso .
[#4] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2015
Grazie! Un" altra cosa ;
Ecografia transretale fatta due ani fa: lieve ipertrofia prostata.
Tac adome contrasto fatto 8 mesi fa :infiammazione prostata e vescicole seminali.
Se avevo calcificazioni alla prostata si vedeva durante il TAC ?
E uttile farlo un "altra ecografia transretale ?
Se la prostata infiammata edolorosa si puo eseguire la ecografia transretale.Grazie per l"aiuto e la sua generosità!
[#5] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Non vedo l'utilità di eseguire un'altra ecografia transrettale . Le calcificazione si vedono sia con la tac che con l'ecografia.
[#6] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille Dr. Mario!Se non disturbo di nuovo;
Ho notato che il mio reflusso di urina e debole,questa secondo me puo causare la infiammazione cronica della prostata!
Quando in base di esami fate(cistoscopia/uretrocistografia retrograda) la vescica si svuota completamente e non ci sono stenosi uretrale e di cosa si tratta questo debole reflusso?
[#7] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Una uroflussometria potrebbe essere utile.
[#8] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2015
Uroflussometria 10/09/2016
Fluso max 6.9 ml/s Flusso medio 4.1 ml/s
Volumo espulso 117ml Tempo di raggiungimento del
flusso max. 12 s
Tempo di ritardo N.A. s
Tempo di svuotamento 31 s Urina residua N.A. ml
Tempo di flusso 28 s Volume residuo(Auto) N.A. ml
Grazie per un vostrop parrere!
[#9] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Ha comunque una ostruzione cervico uretrale , un mitto ostruito può peggiorare i suoi sintomi. Ripeta la ufm cercando di riempire maggiormente la vescica, se si conferma un getto ipovalido e la terapia medica non funziona ,prenda in considerazione la possibilità di un intervento di incisione del collo vescicale. Ovviamente ne discuta con il suo urologo di riferimento che avendo un quadro completo può darle indicazioni più precise.
[#10] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille Dr. Mario ,con i suoi consigli mi avete aiutato tanto
piu dei Medici che mi curano! Secondo lei che cosa puo essere la causa di osruzione cervico uretrale,ho questi risultati;
Due anni fa Ecografia transretale:
Diametro della prostata di 43 mm,antero posteriore di 26 e longitudinale di 38.Picole calcificazioni a livello del lobo medio con ectasia cistica acinari.
Conservati i confini capsulari.
Si segnala solo presenza sul versante destro di piccola formazione nodulare a media ecogeneticà protrudente sulla capsula del diametro 10 mm.Non versamento.
Otto mesi fa TAC con contrasto:
Infiammazione prostata e vescicole seminali
I disturbi continuano da quasi dieci mesi
Minzione frequente
Nicturia
Ritardo di iniziare di urinare
Bruciore minzionale al inizio
Eiaculazione dolorosa
Dolore zona perineale
Dificolta di stare seduto(la parte sinistra di piu)
Grazie per l" umanità e la professionalità!Cordiali saluti!