Utente 298XXX
Buongiorno, ho 34 anni e ho cominciato un mese e mezzo fa ad avere sintomi come mal di testa, nausea , brividi dolori articolari e rigidita' al collo, nel contempo avevo anche un eritema migrante a bersaglio che il dermatologo ha collegato a una puntura di zecca per questo mi ha prescritto esami sierologici per la borelliosi. Ho ricevuto oggi gli esami e sono positivi. Igg 19 e Igm 2,40.
Il dermatologo mi ha detto che devo fare una biopsia della cute perché non siamo ancora alla diagnosi. So per esperienza che questo esame potrebbe impiegare più di un mese e mi chiedo se sia l'iter corretto in quanto so che più si aspetta più è difficile da curare la Malattia di Lyme. Non so se questa malattia sia di competenza di un dermatologo per questo ho chiesto un consulto. Vorrei sapere qual è la terapia antibiotica consigliata perché il dottore parlava di 10 gg ma io leggendo ho visto terapie di minimo 15 o 30 gg. E visti gli esami ematici è necessario fare una biopsia? Sono una mamma sola con 2 bimbe, cosa rischio? La malattia e' curabile con la terapia o ci sono strascichi?
Un ultimo quesito se di Vs. Competenza, il dermatologo mi aveva prescritto anche altri esami emocromo pcr e ves tutti nella norma e vari anticorpi :
Ana NEGATIVO
Anticorpi anti DNA nativo NEGATIVO
Anticorpi anti tireoglubina abTg 1,3

ENA POSITIVO

volevo capire cosa devo indagare x questo ultimo esame positivo. Ho ragione di pensare che potrei avere una malattia autoimmune?

Grazie per l attenzione



Grazie
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
La positività degli anticorpi anti Borrelia, associati alla sindrome clinica dell'eritema cronico migrante, farebbero suppore una Malattia di Lyme.
La positività degli anticorpi anti ENA è stata tipizzata? Contro quale componente degli antigeni nucleari estraibili Produce anticorpi?
ENA positivo significa nulla espresso così!
D'altro canto non posso entrare nelle decisioni del dermatologo, essendo questo un consulto telematico.
Forse sarebbe bene che Lei si affidasse a un Reumatologo competente.
Faccia sapere se vuole.

Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 298XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la celere risposta, fosse syndrome di lyme 10 gg di antibiotici sarebbero sufficienti? Le i dico le indagini come da referto

INDAGINI DI AUTOIMMUNITA':

S-ANTINUCLEO
RICERCA AUTOANTICORPI Negativa Negativa IFA

S-ANTI nDNA
RICERCA ANTICORPI: Negativa Negativa IFA

S-ENA SCREENING, anticorpi anti antigeni nucleari POSITIVO

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Signora forse non mi sono spiegato: ENA screening positivo non significa nulla.
Se vi è una positività è necessario accertare contro quali degli antigeni nucleari estraibili lei produce anticorpi.
Il test fatto così è solo fonte di ansia.

La durata del trattamento antibiotico la decide il medico che ritenga di prescriverglielo.
Non certo io a 1500 Km!

Saluti,
Dr. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 298XXX

Iscritto dal 2013
Mi spiace, pensavo di non aver riportato correttamente i referti. Ho chiesto il consulto per cercare di capire se il medico a cui mi sono rivolta sta procedendo nella maniera corretta perché credevo che x la malattia di lyme ci fossero dei protocolli precisi e visto che ho dei sintomi piuttosto fastidiosi vorrei iniziare la terapia quanto prima visti gli esiti degli esami del sangue... come mi ha consigliato mi rivolgero' ad un reumatologo. Perché da quello che ho evinto anche le indagini di AUTOIMMUNITA' così come il dermatologo ha prescritto non sono indicative, questo avvalora la mia tesi che mi devo rivolgere a qualcun altro...

Saluti
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Ecco, le è giunto il messaggio che volevo le giungesse.
Faccia sapere , se vuole.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.