Utente 411XXX
Gentili dottori, vi supplico di un parere circa la mia situazione perché non so più che fare. Ho 21 anni e sono 6 mesi che vivo un incubo... È iniziato tutto un giorno dopo aver preso un caffè al bar, con un forte calore al capo come se mi fosse salito il sangue al cervello, tachicardia, debolezza fortissima. Da allora i sintomi non mi lasciano nemmeno per un giorno. Primo su tutti una cefalea di tipo gravativo per farvi capire sento un peso fortissimo che la schiaccia e la sento compressa e pesante come fosse un macigno, mi sento ovattata e super sensibile a ogni rumore o stimolo, di conseguenza capirete che mi sento malissimo e non riesco più a godermi la giornata serenamente.. ho inoltre sensazione di mancamento, sensazione di occhi stanchi, sensazione di non vederci molto chiaramente, di avere l'influenza e quando misuro con il termometro ho la temperatura sempre tra i 36,8 ei 37,3 inoltre disequilibrio, leggeri capogiri, fatica a stare al sole, difficoltà nel masticare, irritabilità, sensazione di instabilità e formicolii alla nuca e al capo,fatica nel parlare molto e tachicardia per ogni piccolo sforzo o movimento come lavarsi, giocare col cane o salire le scale. Ho notato che ho i muscoli delle spalle e collo contratti verso giugno, e non si sono mai decontratti. In questi mesi ho fatto Visita neurologica negativa, RM e Angio RM encefalo senza contrasto unica cosa riscontrata aspetto cistico della ghiandola pineale di 9 mm, che mi ha preoccupato ma che mi hanno detto essere una cosa da niente che non può dare problemi, visita oculistica unico riscontro lieve astigmatismo, elettromiografia arti fatta con gli elettrodi poiché non sopportavo gli aghi negativa, capillaroscopia negativa, esame per CMV toxoplasmosi e EBV risulta che ho contratto tutti e tre ma le IgM sono negative quindi sembra non esserci nulla in corso... esame urine negativo, esami sangue negativi. A giugno ho fatto rx colonna vertebrale da cui risulta scoliosi dorso lombare e RM rachide cervicale da cui si evince inversione della lordosi e aspetto convesso e lieve disidratazione di alcuni dischi. Ho provato a prendere tachipirina,muscoril,sirdalud per la cefalea ma nessun effetto. Preciso che sono in cura per una gastrite con pantorc. La gastrite è risultata nrllo stesso periodo. Non so come sia possibile avere tutto questo ogni giorno da mesi a 21 anni non ce la faccio più davvero ho bisogno di uscirne e tornare a godermi la mia vita. Per favore aiutatemi
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Signora,
Lei pone una marea di problemi che si possono inquadrare soltanto avendo lei davanti nel corso di una visita vera e non di un consulto virtuale.
Non è la non volontà di volerla aiutare ma è l'impossibilità di aiutarela telematicamente.
Le consiglio di cercarsi un Internista valido, serio, onesto e motivato che inquadri la sua situazione e le proponga un iter diagnostico, eventualmente indirizzandola presso specilaisti ad hoc (un Fisiatra per esempio) ed eventualmente una adeguata terapia.
Faccia sapere se vuole.

Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Salve dottore, la ringrazio per la Sua risposta. Se ho deciso di scrivere qui è solo perché in sei mesi sono andata avanti e indietro da un sacco di medici e nessuno è riuscito a darmi delle vere risposte. Capisce che è dura stare così senza nemmeno avere una vera spiegazione e senza sapere quando e se ne uscirò. nessuno è riuscito ad alleviare questi sintomi. Sono stata anche in pronto soccorso tre volte, con tachicardia anche a 150 e mi hanno detto che probabilmente questo sintomo è dovuto a una sindrome da tachicardia inappropriata, ma io non credo perché è sopraggiunta proprio nello stesso periodo degli altri sintomi, ci tengo a precisare. Penso sia tutto collegato, ma nessuno finora sia interessato a risolvermi questo problema perché complicato. Tra i vari esami che ho fatto ad aprile sono risultata positiva agli anticorpi anca con titolo 1/160, li ho ripetuti a luglio ed erano scesi a 1/40. Il gastroenterologo dice che sono aspecifici e che è un buon segno che sono scesi ma non mi sa spiegare perché sono presenti. Ho consultato un reumatologo internista che mi ha parlato di una probabile fibromialgia su base posturale, ma io non credo di essere fibromialgica anche perché non ho quel tipo di dolori fissi tipico e penso che ci sia una spiegazione dietro i miei sintomi ma che non è ancora stata individuata. Mi ha dato anche due terapie che ho seguito e ho fatto anche siringhe di vitamina B12 che non mi hanno per niente alleviato la debolezza ne gli altri sintomi,ho quindi consultato un fisiatra che mi ha detto che probabilmente l'inversione della lordosi cervicale possa essere responsabile di qualche sintomo, ma che nel complesso non sono giustificabili solo da questa. Ho provato a fare massoterapia per sciogliere i muscoli collo spalle, la prima seduta bene, la seconda seduta mi ha bruciato tantissimo tutta la zona virgola la terza seduta mi ha distrutta e mi sentivo il giorno dopo come in una barca non riuscivo proprio a mantenermi in piedi mi girava tutto. Il fisiatra mi ha quindi detto di sospendere e di provare con dei trattamenti posturali, che sto facendo già da molto tempo ma non hanno dato nessun risultato, io sto sempre così e non so più come comportarmi mi sento davvero male perché sono passati 6 mesi e io non sono mai stata bene nemmeno un giorno dottore. ho i sintomi tutti i giorni e ormai da mesi vivo così andando avanti e indietro dai dottori ma nessuno mi riesce a capire e non riescono a individuare precisamente perché sto così è a risolvermi il problema. Mi dicono che i miei sintomi sono molti e vari mi riempiono di analisi ma alla fine non concludo niente. L'unica cosa con cui sto risolvendo in gran parte e la gastrite perché dopo aver fatto la gastroscopia sto seguendo una nuova cura e sembra andare bene anzi rispetto alla prima gastroscopia sembra migliorata il gastroenterologo era contento. Lui non ha idea anche della gastrite di che tipo è, perché è molto strana soprattutto per il mio modo di alimentarmi che è buono e per il fatto che non assumo antinfiammatori o medicinali che possono danneggiare lo stomaco, nemmeno lui si sta spiegare perché mi è venuto tutto questo e quando gli chiedo secondo lui la gastrite come mi è venuta all'improvviso mi dice che non lo capisce ancora. Per il resto tutto invariato. Aggiungo che una quindicina di giorni prima dell' episodio del caffè dove è cominciato tutto, ricordo di aver avuto un forte capogiro alzandomi dal letto dopo essermi svegliata e tutto il giorno mi sentivo sbandare e non riuscivo a camminare bene, vuoto mentale e confusione, dopo controllo dal medico di base mi ha detto che avevo dei tappi di cerume e quindi sono andata dall'otorino a toglierli mi ha fatto anche visita vestibolare ed era tutto ok. Dopo quest'episodio per 15 giorni sono stata bene, e poi da quell'episodio del caffè questi problemi non mi hanno mai abbandonata. Ho pensato di tornare dall'otorino giusto per un controllo e per avere anche un suo parere. Non so davvero a quale internista devo rivolgermi, mi sento abbandonata a me stessa, sono andata in pronto soccorso più di una volta e tutti si meravigliano di quanto stia male perché vedono che non mi sento bene ma dalle analisi non risulta niente di rilevante. Mi hanno riscontrato solo la ves a 20 invece che a 10 e inizialmente avevo emoglobina un po' bassa che poi è risalita sui 12 . So che via telematica è difficile dare una diagnosi anche perché ho tanti sintomi diversi però se avete qualunque consiglio suggerimento vi prego di darmelo perché io non ce la faccio più e non so più a chi affidarmi per tornare a stare bene. Ho pensato a qualche virus infezione o qualcosa che mi abbia scombussolato l'organismo, risulta che ho contratto la toxoplasmosi ma non ho idea quando, citomegalovirus e EBV contratti ma non ho le IgM mi hanno consigliato di fare altri esami di virus come malattia di Lyme candidosi eccetera ma non so se davvero vale la pena, dato che ho fatto tantissimi esami spendendo tanti soldi e alla fine non risolvo mai nulla e sono più scoraggiata di prima. Lo so ripeto che è difficile aiutarmi via telematica e lo comprendo ma vi prego anche solo un parere su quello che vi ho detto di aiutarmi perché davvero non so come fare vi ringrazio spero possiate capirmi
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Cara Signora,
io capisco il suo disagio, dopo l'episodio del caffè, ma lei è praticamente un trattato di Patologia Medica vivente.
Ha tutto!
Io che cosa vuole che le dica rannicchiato sulla poltrona davanti allo schermo del computer con gli occhi sbarrati leggendo il suo interminabile racconto?
Empatizzo con Lei ma le confermo che non saprei da dove cominciare senza averla davanti.
La sua graforrea lascia trasparire una forte componente ansiosa: non ha mai pensato che potrebbe trattarsi di un disturbo da ansia generalizzata facilmente curabile da uno Psichiatra?
Altro, le ripeto, non posso dirle, se non darle il consiglio di ricoverarsi in una eccellente Medicina Interna dove potrà ricevere tutte le consulenze necessarie a chiarire i suoi infiniti problemi.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Ho scritto in questo sito proprio perché ho davvero bisogno di aiuto.
Se mi sono dilungata è solo per spiegare la situazione più che potevo, per far capire quanto disagio mi provoca, ovviamente questi sintomi possono generare in me anche un po' d'ansia ma le assicuro che sono i sintomi a provocarmela,non il contrario. Normalmente sono una ragazza serena e con tanta voglia di fare. Penso che chiunque non starebbe molto bene nemmeno psicologicamente a dover affrontare tutto questo senza capire cosa gli succede. Nonostante ciò io cerco di non abbattermi ma non so più cosa fare e mi creda dopo mesi senza sentirsi un giorno bene, affaticandosi per poter fare anche cose piccole è dura. Anche il masticare che prima era una cosa da nulla mi viene difficile e mi stanca, col peso che ho a collo e testa. A volte ho la tachicardia a 100 e più nel fare uno shampoo o fare le scale.
Non ho certo chiesto di essere in questa condizione. Io queste cose le ho vissute in sei mesi e le vivo tuttora, spesso i medici si meravigliano e non sanno bene come aiutarmi, ma anche se fa stupore o può sembrare strano è così, me ne stupisco anche io ma è tutto vero. Purtroppo mi rendo conto che è difficile aiutarmi ma non so a chi rivolgermi,non sono un alieno, solo una persona che non si sente bene e non riesce a ritornare alla normalità. Accetto i suoi consigli e la ringrazio ma non credo di avere bisogno di uno psichiatra, il fatto è accaduto in un giorno sereno e anche in un bel periodo della mia vita, non avrei motivi per soffrire di ansia generalizzata come ha suggerito. Io sto male nel fisico e di conseguenza ci soffro anche psicologicamente come è normale che sia.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
nessuno qui mette in dubbio che lei soffra e dunque che sia una Paziente (che dall'etimo greco significa sofferente) e non un alieno, che meriti una diagnosi e un sollievo dai suoi problemi insorti all'improvviso dopo aver bevuto un caffè!
Ma tutta la problematica che lei descrive faraginosamente ancorchè meritevole di rispetto, non può pensare di risolverla scrivendo ad un sito come MI+ che fornisce consulti telematici e i cui Specialisti non hanno il paziente davanti anche solo per guardarlo in viso.
L'ansia può innescare un circolo vizioso che è come un cane che si morde la coda, determinando sintomi somatici che generano ansia e così fino a che non viene spezzato.
Se lei ritiene che questa diagnosi non sia giusta, non la tenga in considerazione.
Non le ho mica detto che ha bisogno di uno psichiatra perchè è pazza!
Ma mi pare anche impossibile che con tutti i medici consultati lei non è riuscita a venire a capo del perchè dopo quel maledetto caffè la sua qualità di vita è diventata così scadente.
Io l'aiuto che potevo fornirle glile'ho fornito: se lei lo ritiene inutile le auguro di trovare un aiuto più concreto.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il suo racconto mi incuriosisce.
- disequilibrio, leggeri capogiri, fatica a stare al sole, difficoltà nel masticare
- Anche il masticare che prima era una cosa da nulla mi viene difficile e mi stanca, col peso che ho a collo e testa.
-Ho provato a prendere tachipirina,muscoril,sirdalud per la cefalea ma nessun effetto
- ricordo di aver avuto un forte capogiro
-mi ha parlato di una probabile fibromialgia su base posturale

Effettivamente, come ha scritto il Dr. Caldarola, "lei è praticamente un trattato di Patologia Medica vivente.
Ha tutto!"

Forse però anziché una serie di malattie , ostiche al trattamento, lei potrebbe presentare una serie di sintomi sostenuti da una predisposizione comune di tipo strutturale-posturale, compatibile con tutti i sintomi riferiti. Il fatto che riferisca difficoltà a masticare , rinforzerebbe il mio sospetto e mi indurrebbe a considerare con attenzione la sua occlusione dentaria, la sua postura mandibolare e una eventuale disfunzione delle Articolazioni Temporo Mandibolari (ATM).
Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici, o non se ne trova la soluzione , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione : di questi sintomi la vertigine è fra i più tipici.
Può trovare qualche notizia in più sui rapporti fra Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) e orecchio aprendo questo link:
http://www.studiober.com/patologie/patologia-dellorecchio/
Una vertigine può essere sostenuta anche da problemi alla colonna cervicale, ma è necessario considerare che la problematica della colonna vertebrale non é sempre isolata e fine a se stessa, ma inserita nel generale contesto posturale dell'intera struttura corporea . Può essere considerata , in molti casi, un sistema di compenso di malposizioni che intervengono nei distretti inferiori ( bacino, ginocchia, caviglie, piedi) solitamente chiamate "Ascendenti", o superiori (malocclusione dentaria con malposizione mandibolare sopratutto) solitamente denominate "Discendenti".
Può trovare qualche notizia utile aprendo questo link:
http://www.studiober.com/patologie/occlusione-e-postura/

Infine, la cefalea è fra i sintomi più tipici delle disfunzioni cranio-mandibolari , e la letteratura scientifica ne riferisce spesso anche l'associazione con la fibromialgia.
Le consiglio pertanto di farsi visitare anche da un dentista che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare, di rapporti fra questa e l'orecchio e di postura: non tutti i dentisti coltivano questa sottospecialità.
Può anche dare un’occhiata agli articoli linkati qui sotto:
Cordiali saluti ed auguri.
http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-vertigine-pertinenza-odontoiatrica.html
http://www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf



[#7] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottor Bernkopf, la ringrazio davvero per il suo consiglio e per essersi interessato. Io sono molto preoccupata per la situazione e so che non sono un caso classico ma deve esserci un modo anche per me di guarire, vorrei solo che mi venisse dato aiuto concreto dato che finora non sono migliorata... Le posso dire che effettivamente ho una malocclusione, qualche volta quando mangio mi capita di sentire un rumore tipo un click, e il fatto che i muscoli del collo siano rigidi e tesi ormai da mesi mi aveva fatto pensare che potrebbe esserci qualche squilibrio o un qualche sovraccarico non tollerato che viene compensato male dal mio corpo provocandomi cefalea debolezza vertigine eccetera. Sono stata mesi fa da un dentista esperto in chirurgia maxillo facciale che mi aveva suggerito di concentrarmi su altro perché a suo parere il mio problema era troppo particolare e non collegabile, ma effettivamente leggendo la sua cordiale risposta credo sia meglio fare un tentativo con uno specialista del settore citato, dato che quando mastico mi sento come rallentata, mi sembra di sentirmi peggio, la testa sembra bloccarsi e il collo tira. Ho sicuramente una base di problemi posturali quali scoliosi inversione della lordosi cervicale etc e per questo sto facendo trattamenti posturali con un fisioterapista che però purtroppo non mi danno sollievo e non ho notato miglioramenti nei sintomi, ieri dopo mangiato mi è iniziato un mal di testa diverso che si è instaurato sul mio di base, era proprio un dolore che partiva dalla base della testa dietro la nuca e saliva dietro le orecchie e più su, dolore che si è accentuato dopo essermi coricata e non riuscivo a dormire in nessuna posizione. Si è poi calmato con tachipirina per lasciare posto alla solita cefalea. Da piccola ho avuto otite ripetuta non so se possa esserle utile questa informazione, ad oggi visita otorino fatta da poco risulta tutto normale, prova audiologica ottima sento benissimo anzi fin troppo pensi che a volte non sopporto nemmeno di sentire un singolo suono. Ho prenotato visita al centro cefalee per capirne qualche cosa di più e sicuramente cercherò di recarmi a fare la visita da lei consigliata, saprebbe indicarmi qualcuno a Napoli? Se fossi stata della sua zona non avrei esitato a chiederle consulto. Grazie di cuore qualsiasi parere o consiglio per me è importante, voglio davvero risolvere al più presto per tornare alla normalità
[#8] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, le notizie che aggiunge mi confermerebbero nel mio sospetto.
"Da piccola ho avuto otite ripetuta"
Purtroppo la "autolimitazione" dell'Otite Media Acuta Ricorrente, che viene salutata con sollievo dal pediatra e dall'ORL, riguarda la manifestazione acuta tipica dell'età pediatrica, ma non cambia la situazione strutturale sfavorevole , che resta a predisporre varie patologie di confine, non solo riguardanti l'Orecchio.
" sto facendo trattamenti posturali con un fisioterapista che però purtroppo non mi danno sollievo e non ho notato miglioramenti nei sintomi"
E' importante che il dentista che la tratta conosca il problema e ne tenga conto ma é altrettanto importante che che vi presti attenzione il fisioterapista, in quanto se le contratture muscolari sono compensi posturali sostenuti dalla bocca, il loro trattamento è destinato ad essere di scarso effetto o di breve durata, perché l'intercuspidazione dentaria individua una postura mandibolare non modificabile con trattamento fisioterapici.
Cordiali saluti ed auguri.

[#9] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Gentili dottori, grazie per i consigli preziosi, che tengo bene a mente. Volevo aggiornarvi su alcune cose.
La situazione è peggiorata, in questi ultimi giorni ho avuto forti mal di testa, ovviamente la sensazione di peso e costrizione persiste ma ho avuto in aggiunta dolore varie volte in zona frontale laterale tipo emicrania, piu spesso da quando le temperature sono calate, mi sento molto stanca tanto da passare le giornate a letto, e ho avuto anche sensazione di forte disequilibrio soprattutto nel camminare e muovermi, mi sentivo come quando è in atto un terremoto. Spaventata sono andata dall otorino che mi ha fatto visita vestibolare e audiologica e mi ha detto che non ho nulla, non ho nemmeno i tappi di cerume che mi si formarono a febbraio, e che sono vertigini soggettive, probabilmente dovute a questa cefalea costante che ho e contratture della cervicale e mi ha detto di andare al centro cefalee per capire meglio di che si tratta. Ho quindi nel frattempo fatto una visita dal neurologo per avere un parere e consigli su come procedere dato che i sintomi non passano. A lui sembra cefalea tensiva, (nel mio caso cronica) ma vuole prima continuare a indagare in generale per via della tachicardia nei movimenti e stanchezza perenne etc. Mi ha prescritto una serie di nuovi esami da fare e cioè: esame delle feci coprocoltura esame parassitologico e sangue occulto, che ho fatto e sono risultati negativi, ecografia addome completo che devo ancora fare, alcuni esami del sangue tra cui di nuovo la ves che era uscita oltre il valore massimo ed esami per la celiachia, breath test per intolleranza al lattosio, e inoltre date le contratture e dolore al tatto collo.spalle.schiena e il senso di peso e costrizione nella zona nuca e cranio e a volte in petto, mi ha detto di fare nuova rm encefalo,tronco encefalico,rachide cervicale per valutare se possa essere una sindrome di chiari. Gli ho chiesto dato che ho gia fatto rm encefalo e rachide a maggio perché vuole che vada a rifarla, e mi ha risposto che non si vede bene da quelle che ho fatto, perché manca il tratto tronco encefalico, e perché non si sono concentrati su quel punto. Mi ha detto di farla senza preoccuparmi a gennaio e che non crede che sia questo, ma è solo per eliminare tutte le ipotesi e inoltre vuole rivedere la cisti alla ghiandola pineale di 9mm che era risultata nella precedente rm. Mi ha anche consigliato di farla presso un altro centro in modo tale da confrontare. Cosa ne pensate??

Inoltre avevo prenotato visita da un ematologo tempo fa e l'ho fatta, mi ha spiegato che la ferritina essendo bassa deve a prescindere risalire poiche é come se mi mancassero le scorte anche se emoglobina transferrina e sideremia stanno bene, e che ho i valori mch mcv sempre bassi, come mia mamma che ha anemia sideropenica, quindi ora prenderò sideral forte per 40gg per farla salire e ha detto di tornare per visita fra 2 mesi. Non vedo nessun miglioramento.

Vorrei inoltre appena possibile prenotare una visita con un esperto di disfunzione dell atm come mi ha consigliato il dottor Bernkopf per valutare anche questo aspetto.

Vi chiedo di darmi qualunque consiglio a riguardo della situazione e cosa ne pensate degli esami da fare, poiché voglio davvero capire cosa ho e come affrontarlo. Ormai non esco piu se non per le terapie, e mi sento da rottamare... A 21 anni deprime tanto stare così male, ed é davvero dura. Grazie per il vostro aiuto.
[#10] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
"A lui (Neurologo) sembra cefalea tensiva, (nel mio caso cronica)".
L'ipotesi diagnostica di Cefalea Tensiva, tipologia appartenente alle Cefalee Primarie, quelle cioé di cui non si conosce la causa, dovrebbe preliminarmente aver escluso la possibilità che si tratti di una cefalea secondaria, quale é appunto la Cefalea derivante da problemi alla masticazione e all'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM).
Dal suo racconto non si evince che questa possibilità sia stata esclusa, anzi la presenza di concomitanti problemi cervicali, di vertigini, di tappi di cerume, rinforzerebbe il mio sospetto.
Nella mia esperienza , la diagnosi differenziale fra Cefalea tensiva primaria e Cefalea da malocclusione dentaria e disfunzione dell'ATM difficilmente viene posta in un Centro Cefalee: mi auguro che così non sia nella sua città.
Pertanto le confermo che , specie se una Cefalea di tipo tensivo non risponde alla terapia specifica, sarebbe bene rivolgersi anche ad un dentista-gnatologo esperto in malocclusioni con problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), quantomeno per escludere questa possibile componente patogenetica.
Cordiali saluti ed auguri
[#11] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio dottore vedrò di fare la visita che mi ha consigliato. Come faccio a trovare uno specialista qui a napoli?
Volevo aggiungere che mi sono risultati positive le igg degli anticorpi anti gliadina. Il medico mi ha detto che per lui ho un intolleranza al glutine e di eliminarlo dalla dieta e vedere come va. Intanto i sintomi non mi lasciano...oggi forte emicrania sopra la tempia sommata alla cefalea quotidiana, un po di sangue dal naso e sentivo il sapore in gola anche, e forse anche per l agitazione mi è salito il battito a 116... Collo sempre dolente e contratto.. È dura
[#12] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Salve gentili dottori,
Vorrei chiedervi nuovamente pareri, sto veramente esasperata.
La situazione non è migliorata. In questi giorni mi sento come influenzata, molto debole.
Due giorni fa mi è capitata una cosa strana, ovvero mi sentivo la coscia sinistra andare a fuoco. Mi bruciava proprio la pelle della coscia e anche del gluteo sul lato, come se mi fossi scottata, ed era calda al tatto.
È successo mentre me ne stavo normalmente a letto, e avevo indosso vestiti che uso sempre. È durata circa un ora o due, ho cambiato i vestiti dopo essermi lavata ma non passava e mi ha preoccupato un po, poi cercando di non pensarci mi sono addormentata e non è ricomparsa, ma ieri sera mi è venuta la stessa sensazione al braccio, sempre sinistro. Cosa può essere?
Inoltre sempre ieri sera mi sono accorta di avere quella che credo sia la ghiandola parotide vicino l'orecchio destro molto dolente al tatto. Sento una striscia dura proprio all attaccatura dell orecchio. Fa peso, mi tira, fa male se tocco. Il resto dei sintomi li ho ancora tutti. Cosa devo fare? Potrei avere qualche virus tipo bartonella o cose simili senza febbre? Mi preoccupano molto questi nuovi problemi..come se già non ce ne fossero troppi. Ultimi esami del sangue erano buoni solo la ves era alta. Aspetto un vostro consiglio
[#13] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Concordo con quanto detto dal collega gnatologo. Vorrei aggiungere alcune cose, il periodo febbrile è collegato a quello con gli esami dell'autoimmunità alti? Non rivado a leggere perché è veramente molto. Il pericolo di chi non è sintetico è che il medico non è invogliato a leggere tutto. Ascolterei le parole del medico di famiglia e proverei a fare dieta priva di glutine. Una volta c'erano pochi soggetti celiaci (o forse se ne vedevano pochi) ora oltre a vederne di più si è aggiunta una malattia che va sotto il nome di "intolleranza al glutine non celiaca". Il soggetto cioè fa la biopsia duodenale il gastroenterologo manda il materiale accompagnato dalla scritta "sopsetta celiachia" altrimenti rischia di non fare la diagnosi ed è tutto negativo. NON HA LA CELIACHIA. Se mangia il glutine sta male, se non lo mangia sta bene.... intolleranza al glutine non celiaca. Ricordi che questi soggetti hanno difficoltà anche a digerire il latte pertanto in questi "peridi di prova" eviti il latte e i formaggi freschi. Può usare yogurt latti ad alta digeribilità, latti di soia e di riso.
Poi ci faccia sapere.
A sostegno della necessità della valutazione gnatologica (come detto dal collega) sappia che il gruppo di studi sul dolore sicuramente uno dei più importanti (OPPERA su J Pain) indica che i soggetti con malocclusione sentono di più i dolori anche a distanza.
Ci faccia sapere e cerchi di essere più leggibile e sintetica.
Buone feste
Daniele Tonlorenzi
[#14] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottor Tonlorenzi, grazie per la sua risposta. Io ho due anticorpi positivi e sono gli anca, inizialmente a 1:160, poi a settembre erano scesi 1:40, e le antigliadine. Poi ho la ves alta, e non so la causa. Il resto dei valori nella norma, solo ferritina un po bassa. Ho fatto il breath test al lattosio da poco, risulta malassorbimento. Il medico ha detto che devo eliminarlo. Sto facendo dieta senza glutine e lattosio, da due settimane, per ora sto uguale. La sensazione di influenza febbre mi compare spesso da quando è iniziato tutto. Si accompagna debolezza e un malessere generale, più i miei sintomi che sono cefalea continua, vertigini leggeri sbandamenti soggettivi e tachicardia nei movimenti. La temperatura è normale di solito, al massimo 37,3. Anche se prima avere 37 per me era inizio della febbre. Il fastidio che sento ora vicino l'orecchio non lo avevo avuto in precedenza, e nemmeno i bruciori sulla pelle. Scusi per la prolissità è solo che vorrei aiuto e descrivo più che posso
[#15] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Anche adesso mi sento proprio come se avessi preso una brutta influenza... Con annessi senso di ovattamento/calore e debolezza tipiche di quando si ha la febbre... La cosa mi preoccupa molto...
[#16] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
come dice il collega Edoardo un controllo gnatologico lo farei.... dopo. Quando ho letto i suoi sintomi mi è venuto in mente subito l'anemia.... cioé non che ce l'ha ma se fossi il Suo medico di famiglia cercherei di escluderla. Anche questi anticorpi anticitoplasma in presenza di febbricola andrebbero approfonditi.
Riassumendo:
1) positività agli anticorpi antigliadina;
2) anca +;
3) ferritina bassa;
fare diagnosi così è impossibile ma una cosa potrebbe legare tutto, la presenza di celiachia (spesso legata ad alterazioni autoimmuni) ho visto poi che in un altro post riferiva gastralgie. Cerchi un gastroenterologo bravo e senta un secondo parere reumatologico... qualcuno saprà dire se è anemica o no.
Saluti e buone feste

Preciso che questo post ha solo carattere ipotetico informativo e nessuna validità reale mancando una visita medica diretta.
[#17] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottore, sono stata da un ematologo mese scorso per l'anemia, mi ha detto anche lui che sembravano appunto sintomi anemici però io ho i valori mcv mch bassi e ferritina bassa, ma emoglobina e transferrina stanno bene, anche sideremia, solo che quando avevo la gastrite forte uscirono più bassi (emoglobina 11,5 sideremia 33 poi 50) ma ora sono buoni(ultimi esami 12,5 emoglobina 67 sideremia) Quindi ha detto che bisognava capire la causa della ferritina a 5,e anche la Ves alta.. mi diede quegli esami per la celiachia e mi è uscito positivo solo l'antigliadine e gli anca, come da mesi.. A volte ho anche sensazione di mancamento, mi sale il battito nel lavarmi.. È un incubo.. Non so più a chi rivolgermi. Ho eliminato glutine e lattosio dalla dieta, per ora non ho miglioramento. Adesso le scrivo che ho forti vertigini dalla mattina di Natale, ho avuto anche molta nausea, se mi giro sulla sinistra, se mi abbasso con la testa o la stendo diritta sto malissimo mi gira tutto, sono 2 giorni che sto cosi e non capisco cosa succede.. Sto prendendo vertiserc che mi diedero quando ebbi vertigine forte a maggio, ma non si tolgono. Sento il collo teso anche nei movimenti, e come mi muovo così peggiora. Potrebbe provenire da li?
[#18] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
se mi giro sulla sinistra, se mi abbasso con la testa o la stendo diritta sto malissimo mi gira tutto,

Vada da un otorino e si faccia escludere la vertigine parossistica benigna (o cupulocanalolitiasi).

Sento il collo teso anche nei movimenti, e come mi muovo così peggiora. Potrebbe provenire da li?
SI

Solo l'antigliadina e gli anca positivi in quel quadro sintomatologico impongono una biopsia duodenale.

io ho i valori mcv mch bassi e ferritina bassa, ma emoglobina e transferrina stanno bene, anche sideremia, solo che quando avevo la gastrite forte uscirono più bassi (emoglobina 11,5 sideremia 33 poi 50) ma ora sono buoni(ultimi esami 12,5 emoglobina 67 sideremia).

Io sentirei un'altro ematologo e anche un gastroenterologo.
[#19] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Gentilissimo dottore, per quanto riguarda l'otorino ci sono stata mese scorso e ho fatto la prova sul lettino con gli occhiali non ricordo il nome ed era tutto apposto, le vertigini erano soggettive, per lui era la cervicale, mentre ora le sento come se girasse la stanza quando mi piego avanti o mi giro a letto. Devo ritornarci?

La biopsia duodenale l ho fatta durante la gastroscopia. Ne ho due. La prima di maggio alla comparsa della gastrite citava: frammenti di mucosa tipo piccolo intestino con villi presenti, in parte normostututturati e in parte lievemente tozzi. Lieve espansione mononucleare della tonaca propria
La seconda a settembre cita:frammenti di mucosa tipo piccolo intestino con villi lievemente distorti, e dove orientati normostrutturati. Reperto nei limiti della norma.

Secondo lei perché devo sentire altri pareri? Cosa potrebbe essere?
[#20] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile utente, abbiamo capito alcune cose:
1) che la gnatologia non è in grado di spiegare i suoi problemi;
2) ho provato a ricordare qualcosa dai miei studi di medicina, ma è venuto fuori che i miei sospetti su possibile celiachia, gli stessi dei medici che l'hanno visitata e che hanno richiesto infatti esami specifici sono supportati dai sintomi ma gli esami li hanno esclusi;
3) il collega di medicina che le ha risposto dice (giustamente) che senza visitarLa non è possibile fare diagnosi, ma Lei si è già fatta visitare da molti.
In considerazione che lo gnatologo non Le è di aiuto il valido collega dice "consiglio di ricoverarsi in una eccellente Medicina Interna".
Seguo il suo consiglio e sposto il consulto in medicina interna visto che il fisiatra già l'ha sentito http://www.medicitalia.it/consulti/medicina-fisica-e-riabilitativa/535379-stanchezza-persistente-mesi-cervicale.html.
Il collega di medicina interna magari sarà in grado di fornirLe indicazioni utili.
[#21] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Gentili dottori, mi ha visitata un neurologo del centro cefalee:mi ha consigliato di riprovare la massoterapia cervicale, ritiene che le vertigini possano venire a causa delle contratture cervicali. Per la cefalea e come rilassante mi ha prescritto laroxyl, che sto prendendo e non ho miglioramenti. La diagnosi non c'é, gli sembra cefalea tensiva nonostante sia comparsa all'improvviso e sia quotidiana. Ritiene che l'inversione della lordosi cervicale provenga da queste contratture persistenti. Per la tachicardia nei movimenti non so piu cosa pensare, mi inizia quando mi alzo dal letto e aumenta se faccio movimenti. Arriva anche sui 120. Spesso sento una debolezza estrema, o sensazioni di mancamento bruttissime. Sto continuando la dieta priva di glutine e lattosio, ma i sintomi sono sempre uguali, anche se le vertigini sono migliorate molto. Per il resto la cefalea, tachicardia, stanchezza forte sempre presenti. A volte mi sento influenzata, come anche oggi. Sento gli occhi appannati e stanchi..La testa la sento tirata tantissimo, come se la pelle fosse compressa e se alzo la fronte sento tutto tirato...Per favore vi chiedo un aiuto.. Cosa devo fare? Mi hanno anche consigliato altri esami: ecografia tiroidea, prova da sforzo per il cuore, analisi sangue per la malattia di lyme e bartonella, e anti caseina, ecografia addome completa, visita ginecologica, Sono davvero stanca di fare esami, spendere soldi e non venirne a capo... Confido in un vostro aiuto
[#22] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, la visita neurologica non ha apportato grandi novità.
"La diagnosi non c'é": sarebbe il caso di cercarla, o in un altro centro cefalee, o fuori.
Sull'ipotesi di cefalea tensiva le ho già detto la mia opinione.
Lo stato della colonna cervicale può essere importante, ma potrebbe anche rientrare nell'ipotesi gnatologica , che ad oggi non é stata affrontata, e tantomeno esclusa, nemmeno quale diagnosi differenziale rispetto ad una cefalea tensiva.
Le suggerisco infatti di riaprire, se non l'ha già fatto , questo link:
http://www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
Cordiali saluti ed auguri
[#23] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Dottore il neurologo del centro cefalee attribuisce la maggior parte del problema alla zona cervicale e alla tensione, ha anche visto la rm e non ha riscontrato nulla di patologico, ma non ha scritto una vera diagnosi, mi ha detto che la terapia e come reagisco servono a capire cosa fare, e se é tensiva dovrei stare meglio,poi vuole rivedermi tra qualche tempo per vedere se ė cambiato qualcosa con la massoterapia e il laroxyl. Io mi sento veramente stanchissima, non ne posso piu di mille visite e per me é anche stressante dover vedere tanti medici, molto diversi e pareri diversi.. Ogni cosa che faccio sembra una faticata e per me e difficile
[#24] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
Gentili dottori, considerando il fatto che quando mi alzo dal letto e mi metto in piedi la tachicardia parte subito e il battito aumenta in modo considerevole, a mano a mano che cammino e faccio le cose, considerando le vertigini, il senso di forte debolezza che ho,e la cefalea costante, e il fatto che dopo minimi sforzi ho il bisogno di riposare mi chiedevo... potrebbe trattarsi di una sindrome da tachicardia ortostatica?? I sintomi sono quelli.. Se fosse cosi come si cura e come si diagnostica?
[#25] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Buongiorno,
Signora stia a sentire: la sua malattia, ad onta di una eventuale alterazione funzionale, a me pare essere sottesa da una componente psichiatrica meritevole di essere curata con farmaci adatti.
Vedrà che se si rivolgerà ad un ottimo professionista del settore tutti i suoi disturbi cesseranno o si attenueranno moltissimo.
D'altronde non è possibile nel modo più assoluto telematicamente fare una diagnosi compiuta: qui le sono stati dati consulti da parte dei più eccellelsi professionisti, compresi quelli che curano la articolazione Temporo - Mandibolare. Proprio ad abuntantiam!
Delle due : o si ricovera così la valuta ciascuno specialista di un buon ospedale, o prova la via psichiatrica.
Continuare a chiedere aiuto in questa sede è inutile e fa perdere tempo a lei.
Dopo questa risposta, avverto lo staff di chiudere questo consulto ormai giunto al capolinea.
Auguri e buona salute.
Dott. Caldarola.