Utente 184XXX
Gentili dottori, alcuni anni fa ho avuto un "incidente": io ero supino e l'altra persona sopra di me; durante il rapporto si è inarcata un pò all'indietro è ho sentito un rumore sordo, un toc, alla base del pene. A parte lo spavento non ho riscontrato sintomi particolari come dolore, o tumefazioni. In questi anni non ho avuto una vita sessuale regolare, ma negli ultimi tempi ho manifestato degli episodi di disfunzione erettile (tumescenza insufficiente o perdita di erezione) in cui sicuramente c'era una componente ansiosa. L'andrologo che ho consultato mi ha prescritto il dosaggio ormonale per FSH,LH,PRL 2 PRELIEVI (0’, 40’),DHEAS,17BETA ESTRADIOLO,Androstenedione,Testosterone totale,SHGB,OMOCISTEINEMIA, e un'ecodoppler penieno dinamico. Oggi ho parlato col medico che esegue l'ecodoppler: all'inizio contestava l'effettiva necessità dell'esame visto che secondo lui problemi venosi e arteriosi alla mia età (38) sono rari e il 90% dei problemi sono di natura psicologica, ma poi dopo aver sentito del "trauma" che avevo avuto anni fa ha deciso di programmare l'esame; secondo lui durante quel rapporto, l'inarcatura in un verso contrario a quello dell'erezione potrebbe aver determinato una frattura del corpi cavernosi interni; questa cosa un pò mi ha spaventato, e sinceramente non pensavo visto che non avevo sentito dolore né avevo avuto gonfiore.
Lui ha detto che anche se il termine frattura spaventa potrebbe esserci stato un trauma lieve con una lesione focale, e magari localmente un processo di fibrosi senza particolari conseguenze....Quando ho chiesto se dall'ecodoppler si vede se c'è stata una frattura mi ha detto "NI".
Ho sempre pensato a quell'episodio come a uno stiramento o lacerazione del legamento sospensorio; qualora invece ci fosse stata una frattura, come pensa il medico, mi chiedo se quello possa spiegare le perdite di erezione che riscontro e la minore tumescenza. Una frattura può essere cosi lieve da non lasciare esiti rilevanti? Ho notato (ma non sono certo) che da allora l'erezione punta meno verso l'alto ed è piu orizzontale....
Vorrei aggiungere che sebbene da quell'episodio siano passati credo 5 anni, in questo lasso di tempo ho avuto una vita sessuale estremamente sporadica, per cui non sono riuscito a tracciare un quadro attendibile della mia situazione.
Grazie a chiunque vorrà esprimere il suo parere medico.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

Una frattura del pene lascia segni evidenti e no sembra essere il suo caso, tuttavia per sua maggiore tranquillità esegua una ecografia dinamica per valutare la morfologia tissutale dei suoi corpi cavernosi e nello stesso contesto un ecodoppler dinamico penieno per una valutazione vascolare.
Un cordiale saluto