Utente 938XXX
Riporto l'esame ecocardiogramma trans toracico color-doppler . effettuato in data 27/10/2016

Radice aortica nei limiti diametrici con normale separazione sistolica delle semilunari.
Ventricolo SX di normali dimensioni endocavitarie e spessori parietali aumentati (SIV 1,4 ; PP 1,3).
Funzione globale di pompa conservata . FE circa 60%.
Segni ecodoppler di alterato rilasciamento diastolico.
Atrio SX lievemente diladato.
Insufficienza mitralica minima.

Alla luce di quanto sopra premetto che soffro di aumenti di pressione (minima sempre a 90) trattati fino a qualche mese fa con compresse di olpress 20 e 9 mesi fa l'esame era nella norma.
Ultimamente ho avuto aumento di pressione fino a 190 massima con 110 di minima per cui la compressa mi è stata raddoppiata a 40 mg.
Mi è stato consigliato di ripetere l'esame ecografico.
Adesso, dopo l'esame sopra riportato , il medico mi ha lasciato la seguente terapia.:
Cardigor 1,25 (ore 08.00)
e olpress 20mg 0re 18.00

Vorrei sapere il significato dell'esame e cosa posso rischiare in futuro specialmente con gli sbalzi di pressione , ho cambiato diverse pillole per il trattamento della pressione ma mi creavano problemi .


Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L'ecocolordoppler cardiaco che lei ha allegato mostra una discreta ipertyrofia ventricolare sinistra, legata sia alla ipertensione che non pare ben curata che al suo sovrappeso.

Occorre che il suo cardiologo le prescriva una terapia idonea a mantenere i cvalori pressori entro i 120/70 mmHg.

Sta a lei invece ridurre il peso corporeo, camminando almeno un'ora al giorno, mangiando di meno, eliminando il sale aggiunto nella dieta.

Non ha senso ripetere l'ecografia adesso, ma semmai tra un anno, per valutare il risuultato del migliore controllo pressorio e degli accorgimenti dietetici.

Arrivederci

cecchini