Utente 321XXX
Buona sera mio fratello ha 25 anni ha avvertito dolore all'inguine e presenta difficoltà nella deambulazione dopo che ha effettuato una partita di pallone .

Ha eseguito un'ecografia con questo referto :
In corrispondenza della regione algica regione inguinale , non si apprezzano formazioni espansive o ernie . Isolate adenopatie reattive bilaterali (diametro massimo 20mm ). In ambo i lati si apprezza , all'integrazione color-doppler , rallentata chiusura alla crosse safeno-femorale .
Ha eseguito esami ematochimici : ves pcr , emocromo completo , ck, LDH, transaminasi , QPE con risultati nella norma . Ha fatto un ciclo di antibiotici per una settimana. Ma il dolore non e' diminuito e i linfonodi sempre presenti , lamenta dolore . Il medico ha fatto una diagnosi di pubalgia . Dall'eco vedo che c'è un interessamento della safena che lui non ha preso in considerazione come ci dobbiamo comportare ? Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la "rallentata chiusura della crosse safenofemorale" potrebbe essere indice di una iniziale insufficienza venosa, che non sembrerebbe poter essere messa in correlazione con i sintomi riferiti, ma che potrebbe richiedere un più preciso approfondimento specialistico e controllo nel tempo.
Analoga considerazione potrebbe valere per la presenza di linfonodi aumentati la cui esplorazione ecografica documenterebbe la natura reattiva.
La presenza di ernie si avvale vantaggiosamente della valutazione clinica (visita) piuttosto che di quella ecografica.
[#2] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
GraZie per la risposta . mi potrebbe indicare quali esami specifici deve fare ? O come rimediare alla sintomatologia ? Potrebbe essere pubalgia ? Ma riferisce dolore all'inguine bilaterale il medico di base dice che è pubalgia e deve passare ... come si potrebbe fare ? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La diagnosi formulata dal Suo medico si avvale ovviamente di rilievi a noi non accessibili a distanza e va quindi tenuta nella opportuna considerazione.
La regione inguinale d'altra parte può essere sede di sintomatologia di origine diversa.
Senza riscontri dal vivo sarebbe azzardato proporre ipotesi alternative.
[#4] dopo  
Utente 321XXX

Iscritto dal 2013
Grazie . Buona giornata !!!