Utente 273XXX
In seguito ad una disfunzione erettile per cause arteriose rientrata con 12 onde d'urto ai corpi cavernosi e uso di cialis da 5mg al giorno non ho più avuto problemi di erezione nel rapporto sessuale ma a differenza di prima non raggiungo più l'orgasmo nel coito mentre lo raggiungo con l'autoerotismo, l'ecodoppler peniero è negativo il rigiscan registra una sola tumescenza dall'80 al 100%,, esame neurologico negativo, un testosterone così così sui 200 a 48 anni. Vorrei sapere se questa mia nuova disfunzione sessuale è correlata a cause organiche legate al deficit che ho avuto, nei test non è emersa una fuga venosa, però ad esempio se premo un po' il dito sulla vena dorsale del pene sento un po' più di piacere e di trasporto sessuale, è una reazione eccitatoria normale che capita anche a chi non ha avuto deficit erettile? Ci sono altri esami da fare per stanare cause organiche?

Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,piuttosto che ipotizzare recidive improbabili, penserei che, più plausibilmente, le terapie avrebbero dovuto prolungarsi.
La vena che percepisce non partecipa al meccanismo erettile ma drena il circolo superficiale.Segua i consigli dello specialista reale di riferimento.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Quindi in base alla sua esperienza le risulta che non ci sia una regola che impone un tetto insuperabile massimo di 12 onde d'urto per tutti i pazienti in cura come me?
La mia domanda sulla vena dorsale era questa: se premendo un po' la vena dorsale e quindi facendo stagnare un po' di più il sangue nei corpi cavernosi è normale per tutti gli uomini sani avvertire un leggero piacere in più oppure succede solo me ed è una spia che ho bisogno di stimolare con ulteriori terapie l'angiogenesi e quindi il volume di sangue nei corpi cavernosi?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...le terapie per la disfunzione erettile non hanno uno standard esportabile per tutti i casi clinici e, quindi possono avere durata e posologia diverse da caso a caso.Analogamente,l'effetto neoangiogenetico delle onde d'urto a bassa frequenza é variabile.
La compressione della vena dorsale non provoca un mantenimento della pressione intracavernosa.Cordialità.