Utente 888XXX
Il problema è il seguente. Varicele IV grado a dx e I a sx. Mi opero anche perché c'è ipospermia (limiti bassi). Dopo l'intervento nell'arco di tre mesi effettivamente la conta triplica. Ma il punto è un altro. Dopo il primo intervento, fatto con (credo) sclerosi dei vasi si forma un idrocele con senso di tensione dalla parte dove era il varicocele di IV grado. Secondo intervento con cui viene creato uno sportello e fissato il testicolo. Conseguenza: tensione gonfiore risolti, ma intorno al testicolo sx ci crea uno spazio pieno di liquido, non teso (flaccido), cosicché lo scroto sx è praticamente il triplo di quello dx. Quando si contrae il cremastere tutto torna normalissimo. Non c'è dolore, salvo che un pò al testicolo dell'altro lato, fissato in una posizione tale per cui le sollecitazioni meccaniche lo trovano meno "ammortizzato" e con meno spazio di escursione. Dopo l'intervento ho avuto tre figli. In verità lo spermiogramma è corretto in alcune parti ed era comunque rimasto alterato in altre, comunque tant'è. La funzione sessuale non è cambiata. L'unico fastidio è un certo ingombro oggettivo che però non è un grosso problema, e questo dolorino alla "radice" del testicolo fissato, quando per esempio inizio a correre (però se continuo a correre non è che mi dia dolore, anzi sembra sparire).
I possibili interventi sono finiti, è meglio "contentarsi" così oppure ci sono altre possibilità senza correre inutili rischi per avere uno scroto più normale esteticamente e meno ingombrante ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Utente,
da quanto descrive il problema è risolvibile con un intervento in anestesia locale day surgery.

La valutazione va fatta però, naturalmente, previa visita.

Cordiali saluti
Dott. Giuseppe Maio
[#2] dopo  
Utente 888XXX

Iscritto dal 2008
Grazie della risposta.
Quel che volevo sapere é: questo intervento come mai non è stato fatto contestualmente al secondo ? Può spiegarmi brevemente in cosa consiste ?
[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Può fornirmi una risposta più chiara ? L'intervento in cosa potrebbe consistere e cosa comporterebbe ? (la valutazione va fatta direttamente, ma se ritiene che sia risolvibile con un intervento, mi può dare qualche dettaglio in più ?)
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

un intervento di scleroembolizzazione del varicocele e della correzione chirurgica dell'idrocele conseguente ( fatto non infrequente) porta, spesso, alla persistenza di un "gonfiore" al polo superiore del testicolo legatio alla membrana vaginale ripiegata e fissata in tale sede per evitare altri idroceli
Parli con un o specialista e valuti pro e contro della eventuale soluzione, purtroppo solo chirurgica.
cari saluti