Utente 888XXX
Salve,

sono un ragazzo di 25 anni, sono fidanzato da molto tempo e ho rapporti sessuali solo con la mia ragazza.
Lei da molti anni soffre di Candida con recidive frequenti (talvolta ogni sei mesi, qualche volta anche ogni due mesi o meno...).
Un anno, dopo l'ennesima sua recidiva, fa ho effettuato un esame del liquido seminale ma le analisi non hanno rilevato alcuna infezione.

Io non avverto alcun tipo di fastidio, tuttavia ogni tanto mi accorgo di avere una piccola bollicina bianca sotto il glande (in corrispondenza del filetto...che però ho rimosso chirurgicamente da tempo) e di tanto in tanto il glande si ricopre di una pellicola biancastra compatta che poi io riesco a tirare via con qualche difficoltà...

Volevo chidervi:

1) E' possibile che dal liquido seminale non sia comparso alcun segnale?
2) Quali esami devo fare per accertarmi se si tratti o meno di candida?
3) A chi dovrei eventualmente rivolgermi? Medico Generico? Dermatologo? Andrologo? Urologo?


Vi ringrazio,

Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Caro Lettore,
generalmente la candida non dà infezioni delle vie seminali in soggetti sani ma infezioni esterne del prepuzio e del glande per cui non la ritrova nel liquido seminale;

L'esame più adatto è un tampone balano-prepuziale;

Il medico più adatto è un medico esperto che può essere una qualsiasi di quelle figure che cita, generalmente sono più esperti andrologi e dermatologi.

Cordiali saluti
Dott. Giuseppe Maio
[#2] dopo  
Utente 888XXX

Iscritto dal 2008
Gent. Dott. Maio

la ringrazio per la sua risposta.

Capisco che non è possibile dare una risposta certa senza una visita medica....Tuttavia vorrei capire se a livello generale questi sintomi (ovvero in particolare il glande totalmente coperto da una pellicola biancastra, quasi trasparente e perfettamente aderente alla superficie del glande stesso) sono genericamente riconducibili alla candida o meno.

Spero di essermi fatto capire...

La ringrazio anticipatamente.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
non ci è possibile rispodere direttamente con un si o un no, non solo perche non vediamo cosa succede, ma anche per non indurre il soggetto ad autoprescrizione che mascherano e poi rendono più difficile una eventuale diagnosi definitiva. Ci scusi della "cattiveria".
[#4] dopo  
Utente 888XXX

Iscritto dal 2008
Egr. Dott. Cavallini,

comprendo naturalmente la sua prudenza.

La mia domanda nasceva dal fatto che in sede di visita il ginecologo che cura la mia ragazza le ha chiesto se io avessi avuto sintomi....Ora io come faccio a capire se quello che ho già descritto sia o meno un sintomo della candida??? Per quel che ne capisco potrebbe essere qualunque cosa non ho le competenze per sapere se si tratti o meno di sintomi della candida?

Per questo avevo posto l'interrogativo. Chiaramente nessuna intenzione di autoprescriversi nulla...Solo un tentativo di capire quali siano le sintomatologie più comuni della candida nell'uomo.

Grazie comunque per l'attenzione,

Saluti.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
non toccava a lei capire, mi raccomando non intendendo offendere le sue capacità mentali, ma al ginecologo consigliarle comunque una visita. E' routine