Utente 222XXX
Ebbene, spiego brevemente gli episodi
Ho 38 anni, ex fumatore, ho smesso da 9 mesi

L'anno scorso 37 anni, a settembre, in un allenamento di pallavolo, dopo un salto e ed atterraggio brusco, un provviso attacco di tachicardia, colmato in circa 40 secondi di pausa con respiro rilassamento

Accadde la stessa identi cosa e lo ricordo perfettamente quando avevo 18 anni, salto energico, atterraggio brusco, tachicardia
Quella volta ci misi più tempo a calmarmi perché la cosa mi spavento' maggiormente

Ovviamente dai 18 ai 38 anni ho fatto diversi ecocardiogrammi, anche sotto sforzo, che non hanno mai rivelato nulla
Da piccolo dicevano avessi un piccolo soffio al cuore

La mia domanda é ...ci può essere qualche possibilità che un tonfo dopo un atterraggio con un salto possa provocare un momentaneamente scompenso nei battiti che faccia improvvisamente accelerare il cuore?
Oppure é una mia anomalia?
Durante l'anno ho continuato ovviamente a praticare sport, pallavolo, cercando sempre di limitarmi negli sforzi ma adesso vorrei lasciarmi andare...

Posso farlo o mi consigliate altro?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Innanzitutto lo scompenso non c'entra niente.
Andrebbe capito che tipo di aritmia, tra l'altro da come lei descrive piuttosto prolungata, si sia trattato.

Se le prove da sforzo hanno esito negativo e l'ecografia e' normale non vedo motivo di preoccupazione.

Sarebbe opportuno che lei programmasse un holter per valutare la presenza o meno di aritmie che potrebbero innescare tachiaritmie sopraventricolari.

E' ovviamente difficile trovare un nesso tra una caduta e l'innesco di un disturbo del ritmo.

Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 222XXX

Iscritto dal 2011
Ringraziandola per la risposta effettivamente, i secondi per il recupero, potrebbero essere stati anche meno... non li ho contati visto che un po' di preoccupazione sentendo il cuore pompare con quella energia improvvisa é stata evidente

Non ho specificato che oltre la meccanicita' del cuore che pulsava fortemente non ho avuto nessun altro sintomo, giramento di testa o altro. Sentivo bum bum bum, FORTE, veloce e basta...

Quello che é evidente é che con il passare dei secondi i battiti sono tornati regolari di tono e velocità graduatamente

La cosa che mi ha solo stupito é stato l'evento di intensita spiccato improvvisamente
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Penso che un holter potrebbe esserci utile.

arrivederci

cecchini