Utente 888XXX
Buongiorno,

circa 5 anni in seguito ad uno shock dovuto al contatto con una coperta in un hotel a Sharm & Sheik ho iniziato a soffrire di prurito intenso a gambe e braccia e sensazione di forte bruciore in tutto il corpo. Premetto che la polvere ed i pollini mi hanno sempre dato fastidio (bruciore agli occhi, rinite) ma quando ho fatto il prick test ed il test delle analisi del sangue dopo l'evento di Sharm non sono risultata allergica a niente. La dermatologa mi ha comunque dato un antistaminico ed un cortisonico, uniti ad una dieta alimentare atta ad abbassare il livello di istamina nel sangue. Dopo circa 2 anni e mezzo di cure la situazione è migliorata fino ad arrivare a farmi vivere una vita piena. Oggi a distanza di 5 anni la reazione cutanea si è scatenata insieme ad una forte sinusite. La sinusite è stata curata ma per quanto riguarda l'allergia sto prendendo lo Zirtec e mangio secondo la vecchia dieta prescritta dall'allergologa. Contemporaneamente ho accusato forti dolori alla zona sinistra dell'addome, in corrispondenza del pancreas. Li ho a fasi alterne e quando mi vengono sento anche un malessere generale. Da quando è iniziata questa sintomatologia si è anche ingrossato un linfonodo all'inguine che risulta dolente al tatto. Il linfonodo è aumentato progressivamente ed ora è grosso 5cmx2cm. Io soffro di insufficienza mitralica (causata da una stenosi aortica diagnosticata alla nascita) e insufficienza venosa e quando sono molto stanca o ammalata ogni tanto mi vengono dei dolori al petto. In questo quadro generale come se non bastasse mi sono venuti anche questi, che prendono la parte sinistra del collo e si irradiano al braccio sinistro. La mano sinistra diventa più fredda della destra e mi sento spossata con nausea. Il cardiologo mi ha detto che vista la mia età, la dieta regolare, il peso nella norma non mi devo preoccupare e che la cosa dipende dall’emotività. Io non sono preoccupata e tra l’altro non sono nemmeno una persona emotiva ma sono stanca fisicamente, oramai da tre settimane vivo in questo modo. A chi posso rivolgermi? Se vado da uno specialista, quello mi rimanda da un altro e così via. Un sintomo può essere collegato all'altro oppure ciascuno può dipendere da una causa diversa. Per favore potete aiutarmi in qualche modo? Darmi delle indicazioni su cosa fare? Dove andare per risolvere la faccenda?

grazie e saluti

Debora La Manna

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Lei ha dei sintomi aspecifici e dificilmente correlabili tra loro, una visita internistica credo sia necessaria per valutare l' eventuale meccanismo comune oppur eper individuare diversi problemi sovrapposti.Auguri!