Utente 389XXX
Da ieri a volte mi arriva un fastidio sotto forma di fitta lieve al petto sinistro, forse costato. Dopo avvertito se respiro con la bocca aperta o sospiro, sento una fitta acutissima nella stessa zona, una volta ho sentit come un osso spostarsi mentre provavo a respirare in questo modo, può durare minuti o può succedere 1-2 volte. Cosa può essere?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Un dolore intercostale.
La saluto

spenga il computer e vada a divertirsi alla sua eta'.

Cecchini
[#2] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2015
Stanotte è durato 10 minuti, adesso le fitte sono diminuite e sembra che però a volte si ripresenta la sensazione di fitte lievi che cambiano d'intensità anche rispetto a come muovo il corpo e durano alcuni secondi.. Se dolore intercostale posso non prendere nulla quindi?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Banali antinfiammatori le saranno di aiuto
La saluto

Cecchini
[#4] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2015
Purtroppo non posso fare attività fisica.. circa 4 mesi ho avuto episodi di tachicardia sopraventricolare e extrasistolia. Ho fatto ecg holter a riposo e 1 mese dopo in movimento, eco dopler più volte, analisi del sangue, tiroide. Ho riscontrato solo una lieve insufficenza tricuspidale(ereditaria) e tratto st alto. Esclusa pericardite. Il cardiologo che mi ha seguito ha affermato che ho stressato troppo il cuore nei mesi precedenti , scartando quindi il bicchiere di champagne bevuto 4 ore prima del primo episodio . Di rado avverto ancora qualche extrasistole. E per adesso mi ha consigliato di stare a riposo e non affaticarmi. A dicembre mi sottoporrò ancora a holter per vedere le differenze dai primi due. Nel primo ho riscontrato nella notte 35 battiti al minuto, nel secondo si è normalizzato con 50 battiti al minuto. Premetto che non ho mai sofferto di tachicardia prima di Luglio. Non bevo alcolici (di rado), Non bevo caffeina, non fumo. Praticavo attività sportiva regolarmente a livello amatoriale 3 volte a settimana. Salvo pausa 1 anno e mezzo dal 2014 al 2015 per rottura legamento crociato. Lei pensa che gli episodi di tachicardia(150 battiti al minuto) che ho avuto, comprese le etrasistoli siano dovute ai mesi da Gennaio a Luglio di attività sportiva abbastanza frequente, quindi stress psicofisico? O dà la colpa al bicchiere di champagne preso a digiuno? Un'ultima cosa, crede che tutto ciò abbia a che fare con i decimi di febbre causati da un molare del giudizio che iniziò a sorgere proprio in quel periodo?

Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Niente di tutto questo
Ansia

Saluti

Cecchini
[#6] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2015
la ringrazio per l'attenzione.

Cordialmente
[#7] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2015
Dimenticavo, mezza bustina di Oki andrebbe bene per alleviare i sintomi quando questi ultimi appaiono?
[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non possiamo prescrivfre farmaci. ma la dose che lei dice va bene per un criceto.
Qualsiasi antiinfiammatorio va bene.
La saluto
[#9] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio, la informerò dei risultati.