Utente 846XXX
Gentili Dottori,
sono stata operata al seno dx a giugno 2008 con diagnosi di carcinoma duttale infiltrante; le dimensioni del tumore primario erano di 2,5 cm e i linfonodi coinvolti 3 più 2 sede di micrometastasi. I linfonodi tutti mobili.
Il mio dubbio riguarda la corretta stadiazione, in quanto non ho ben capito se le micrometastasi devono essere considerate o meno.
Nel caso si considerino infatti, lo stadio passa da IIb a IIIa con differenze nella prognosi.
Certa di una vostra autorevole risposta, Vi ringrazio anticipatamente
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Cara Amica,

quanto chiedi è oggetto di discussione anche tra i tecnici e non vi sono univocità. Ciò che è certo comunque è che è d'obbligo una chemioterapia adiuvante ed una radioterapia adiuvante. Inoltre se il tumore presenta c-erb positivo 3 più, si deve poi eseguire herceptin per un anno. Anche la positività o meno dei recettori ormonali è importante per una eventuale ormonoterapia successiva ai trattamenti chemio-radioterapici.

Sempre a disposizione, un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
[#2] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dott. Pastore,
la ringrazio per la sollecita risposta, innanzitutto.
Secondo la VI edizione del 2002 le micrometastasi sono quelle di dimensioni comprese tra 0,2 e 2 mm e nella classificazione si fa riferimento a depositi tumorali più grandi di 2 mm, per includeri nella conta dei linfonodi positivi. Per cui io dovrei rientrare nella categoria N1? Potrebbe, gentilmente chiarirmi tali concetti? come vanno interpretati?
Nel mio caso dovrei essere altamente responsiva alle cure ormonali e il cerb2 è negativo.
Ho effettuato chemio schema TEC per sei cicli ed è prevista radioterapia e ormonterapia.
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Attendo ancora speranzosa una Vostra risposta,
distinti saluti
[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
sulla terapia lascio libero spazio al collega Pastore.
Io, anche se specialista di oncologia medica, in realtà sono un chirurgo oncologo.

Purtroppo Lei non ci dà nessun altro dettaglio sulle micrometastasi
La VI edizione della classificazione TNM AJCC prevede di considerare N0 le situazioni in cui nei linfonodi regionali siano state riscontrate cellule tumorali isolate (ITC) e/o micrometastasi <0,2 mm di diametro massimo. Il suo caso potrebbe essere interpretato N+3/? (N+ < a 3 a prognosi più favorevole)ed N0 per quanto riguarda le micrometastasi, sulle quali però Lei non ci scrive nulla e quindi suppongo < 2mm.

Pertanto ritengo che nel Suo caso l'approccio terapeutico non sia differente con i dati sulle micrometastasi che ci trascrive. La positività dell'N serve ad una corretta stadiazione, come giustamente fa osservare Lei, ed è il fattore prognostico più importante, ma non l'unico.

Le allego alcuni link che forse non rispondono esattamente alla Sua richiesta, ma riportano alcune considerazioni fatte a proposito del linfonodo sentinella che potrebbero dare un contributo ulteriore alla comprensione di un problema veramente complesso e controverso

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40590

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/lifonodisentinella.htm

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/micrometastasi_e_dissezioni.htm

Cordiali saluti

[#5] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dott. Catania
il mio referto istologico non precisa nulla riguardo alle dimensioni per cui, forse sono da considerarsi < 2mm e quindi non rientrerebbero nella conta dei linfonodi positivi...
quando si legge : "da 4 a 9, includendo almeno un linfonodo delle dimensioni massime > 2mm" non significa prorio questo?
perdoni il mio accanimento su questo punto, ma sapere che la mia prognisi cambia abbastanza in relazione a questo dato mi mette molte ansie.
Ho 33 anni sono mammma di u bimbo di 4...
so che la giovane età è sfavorevole prognosticamente.
le dimensioni del tumore erano di 2,8 cm.
In attesa di una Vostra riposta la ringrazio anticipatamente
Distinti saluti
[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
No come ha scritto Lei non sono in grado di capire.

Mi sembra più logico che ne parli con il Suo oncologo che in caso di dubbio potrebbe contattare l'anatomopatologo che ha firmato il referto.
[#7] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Getn.mo Dott. Catania,
cercherò di essere più chiara, in effetti non mi sono espressa nel migliore dei modi, contando ancora nel Suo autorevole parere.
La mia situazione linfonodale è la seguente:
istologico:
metastasi in tre linfonodi.
micrometastasi in due linfonodi.

Nella VI edizione del TNM si trova:
N1 mic : micrometastasi tra 0,2 mm e 2 mm
N1 : da 1 a 3 linfonodi, includendo almeno un linfonodo della dimensione massima > 2mm
N2 : da 4 a 9 linfonodi, includendo almeno un linfonodo della dimensione massima > 2 mm
Secondo Lei a quale delle due categorie va riferita la mia situazione?
Il mio oncologo lo rivedrò tra circa venti giorni; anche a Lui chiederò un parere.
Nel frattempo contavo sul servizio che Voi offrite a noi pazienti...
Distinti saluti

[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ci aiuta avere dettagli sui criteri della classificazione : è sui suoi linfondi che non riusciamo a capire se le micrometastasi siano o meno < a 2mm.
[#9] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Le micrometastasi sono di dimensioni < a 2mm
Vi ringrazio ancora per la Vostra disponibilità a chiarire questo enigma!!
Aspetto Vostre notizie
[#10] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Quindi
N+ 37? che ha migliore prognosi.

Tanti auguri
[#11] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dott. Catania,
grazie per avere cercato di risolvere i miei dubbi riguardo ai linfonodi, ma me ne resta un altro che invece si riferisce alle dimensioni del tumore primitivo.
Come detto in precedenza le dimensioni erano di 2,8 cm, ma dall'istologico si evince un estesa componente intraduttale.
Sempre nel sistema TNM del 2002, si dice che il pT si calcola sulla componente invasiva; significa che si tiene in considerazione la componente intraduttale?
E che quindi si ristadia sulla base dell'istologico?
Grazie per la cortese disponibilità nel dedicarci il Vostro tempo prezioso
Distinti saluti

[#12] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
corrige su

#10 N+3 / ?

Scrive pT ma non scrive in questo caso quale sia il
pT

se "si considera solo la componente invasiva" è evidente che non si considera quella intraduttale
[#13] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Non ho capito cosa mi vuole dire scrivendo:
10N+3/? Potrebbe spiegarmelo senza l'uso di sigle?
Per quanto riguarda il pT, anche di questo non viene specificato nulla nell'istologico.
Mi viene da pensare che questo (l'istologico) manchi di diversi dettagli!!
Da quello che scrive Lei potrei dedurre che il pT del mio tumore primitivo si possa calcolare diminuendo del 25% circa le dimensioni del cT....
Mi confermi, se ho capito bene.
Rimanendo in attesa di una Sua sempre pronta risposta,
La ringrazio ancora.
Distinti Saluti
[#14] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
#10 N+3 / ?

#10 era il post dove c'era un errore da correggere

N+3/ ? era il numero di linfonodi da considerare positivi

< 3 è un dato a buona prognosi
[#15] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dott. Catania,
per le delucidazioni.Il numero dei miei linfonodi con metastasi > 2mm è 3. Per cui è una situazione da includere nella pN1... se non ho capito male. Quindi a prognosi migliore.
Non ho avuto però nessun chiarimento riguardo al pT.
Rimanendo in attesa di una sua risposta La saluto e la ringrazio
[#16] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi scusi stiamo portando avanti una discussione forse
non utile perchè Lei sul foglio di dimissione dovrebbe avere tutti i dati sul
pTNM con la risposta a tutti i quesiti che sta ponendo.
[#17] dopo  
Utente 846XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dott. Catania,
nell'istologico, se questo Lei intende per foglio di dimissione, non è riportato nessun pTNM.
Cosa mi consiglia di fare?
La ringrazio per il tempo fin qui dedicatomi
Distinti saluti
[#18] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Che mi sembra una omissione importante .
Chieda lumi.