Utente 428XXX
Gentile dottore,
sono un uomo di 40 anni. Da 8 mesi con mia moglie siamo in ricerca di una gravidanza senza risultato. Tre anni fa mia moglie e' rimasta incinta (all'epoca non stavamo cercando un bambino), ma ha poi avuto un aborto spontaneo molto rapidamente. Da giovane, (24 e 30 anni) ho causato involontariamente altre due gravidanze, che non sono state portate a termine (interruzione volontaria). Non mi aspettavo quindi di avere problemi di sperma. Mia moglie ha gia' una figlia di 5 anni, concepita durante una relazione precedente. Quindi a maggior ragione non ci aspettavamo problemi nel concepimento. Su consiglio del ginecologo, mia moglie ha fatto l'esame delle tube che sono risultate aperte e sta per cominciare gli esami ormonali.
Io ho effettuato uno spermiogramma e di seguito le riporto i valori (vivo all'estero e mi scuso in anticipo se la traduzione non e' delle migliori)

ESAME FISICO DELLO SPERMA
Volume 5.8 ml
Viscosita’ normale
PH 7.9
Colore: bianco latte

Numero di spermatozoi
17.6 Millioni/ml
ovvero 102.08 Millioni/eiaculato

Leucospermia: assente
Emazie: assenti
Germi: assenti
Agglutinati: assenti

Liquefazione a 37 gradi – un’ora dopo la raccolta

Spermatozoi vivi 47%
Spermatozoi morti 53%

Mobilita’ totale PR+NP 32% A+B+C
Mobilita’ progressiva 15% A+B
Mobilita’ 17% C
Immobili 68% D

Forme tipiche 15%
Forme atipiche 85%

ANOMALIA della TESTA
microcefalo 3-02%
Macrocefalo 1-01%
Base anormale 80-50%
Acrosoma malformato o assente 53-49%
(il resto e’ a 0-0%)

ANOMALIA della parte intermedia
Resti citoplasmi 1-01%
il resto 0-0%

ANOMALIE del Flagello
tutto a 0-00%

Indice di anomalie multiple 1.62

Conclusioni:
Normozoospermia
Necrospermia
Astenospermia
Teratospermia

Oggi sono andato da un andrologo il quale mi ha prescritto in primo luogo un antibiotico (Ofloxacina) da prendere per 10gg perche' dice che un'infezione potrebbe essere la causa della necrospermia. Il referto pero' parla di leucospermia e germi assenti, che da quanto avevo capito escludevano la presenza di infezioni. Inoltre pensavo si dovesse fare una spermocultura con antibiogramma prima di decidere l'eventuale antibiotico adatto. Invece l'andrologo mi ha detto di fare la spermocultura DOPO il trattamento antibiotico. Quando ho provato a chiedere come si potesse presumere la presenza di un'infezione in assenza di leucociti, l'andrologo ha risposto qualcosa del tipo "senza spermocultura non possiamo sapere niente, quindi tanto vale prendere l'antibiotico". Sono un po' titubante, mia moglie dice che gli antibiotici hanno effetti negativi sugli spermatozoi e vorrei prenderli solo se strettamente necessario. Lei cosa ne pensa? Non e' meglio che io faccia la spermocultura prima?
Concludo dicendo che non fumo, bevo alcolici saltuariamente e non sono stato malato di recente (solo qualche mal di gola).

La ringrazio in anticipo per l'aiuto e i chiarimenti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

una spermiocoltura completa, con ricerca di micoplasmi, chlamydiae e trichomonas e successivo ed eventuale antibiogramma non la si nega praticamente a nessuno, ne riparli con il suo andrologo di riferimento.

Nel frattempo, se desidera poi avere altre informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna un’infertilità di coppia, può leggere anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1446-antiossidanti-radicali-liberi-fertilita-maschile.html

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottore,
la ringrazio infinitamente per la rapida risposta!
Ne approfitto per farle un'altra domanda: l'andrologo mi ha prescritto una spermocultura e uno spermogramma (da effettuare dopo l'assunzione dell'antibiotico) dicendomi di esguirla dopo 5 giorni dalla fine del trattamento antibiotico. Ma cinque giorni, sono sufficienti? Se e' vero che gli antibiotici "uccidono" gli spermatozoi (mi immagino solo nel periodo di assunzione del farmaco), non dovrei aspettare un po' di piu' per effettuare lo spermogramma? Non c'e' cosi' il rischio di falsare i risultati e di trovare tutti gli spermatozoi "morti", se cosi' si puo' dire?
Inoltre, tutti gli antibiotici sono dannosi per gli spermatozoi? Oppure questa Ofloxacina non lo e' per niente ed e' per questo che l'andrologo mi ha suggerito lo spermogramma a soli 5 giorni dalla cura antibiotica?
Grazie in anticipo!
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

vedo che ha compreso le questioni che si scatenano con l'utilizzo degli antibiotici ma l'indicazione di ripetere l'esame dopo 5 giorni non è così drammatica , si può tarare il tutto ; eventualmente lei potrebbe comunque posticipare di almeno 15-20 giorni le valutazioni del suo liquido seminale.

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottore,
alla fine mi sono deciso a sottopormi alla cura antibiotica che e' durata 10gg ed e' stata abbastanza debilitante (giramenti di testa, dolori ai tendini,...). Ho finito di prendere l'antibiotico 6gg fa. Gia' durante la cura ho notato una netta diminuzione della quantita' del liquido seminale prodotto per eiaculazione (un giorno e' uscita proprio solo una goccia). Mi chiedevo se e' normale una tale diminuzione del liquido seminale... avevo capito che il numero di spermatozoi e la loro qualita' potessero essere danneggiate dall'antibiotico ma non la quantita' di liquido prodotto. Secondo lei questo puo' essere riconducibile sempre all'antibiotico? Ha consigli da darmi?
In queste condizioni non mi sembra il caso di rieffettuare lo spermogramma rapidamente... ci sarebbe ben poco da esaminare!
La ringrazio in anticipo.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ma che tipo di antibiotico le è stato indicato?
[#6] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Ofloxacina 200. Una pastiglia la mattina e una la sera per 10gg
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non vengono segnalati tali effetti collaterali come significativi nell'utilizzo di questo antibiotico.
[#8] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Quindi lei escluderebbe l'antibiotico come causa? Eppure e' l'unico cambiamento che ho introdotto... cosa mi consiglia di fare?
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Risenta ora in diretta il suo andrologo di fiducia.