Utente 428XXX
Nel l’aprile 2014 ho avuto un infarto rivascolarizzato.
02 APRILE:Coronografia: malattia di tre vasi coronarici, cdx occlusa, stenosi critica di iva e cx. ptca e impianto di stent des previa tromboaspirazione su cdx, recente riscontro di ridotta tolleranza ai carbo-idrati (glicemia basale e HB glicata elevate). Fatta riabilitazione e tutti gli esami di routin
06 GIUGNO: Ricoverato per completamento della rivascolarizzazione a carico della coronaria destra , è stato confermato un buon risultato a distanza della pregressa angioplastica al tratto medio/prossimale - diffusa ma non critica con posizionamernto di stent diretto metallico su mo tratto medio
Per 12 mesi ho seguito la seguente terapia:
1Pantoprazolo 20 – 2 Ramipril 5 - 1 Bisoprololo emifumarato 5 – 1 Omega polienoici G.1 – 1 Prasugrel 10 – 2 Atorvastatina 40
Dopo 12mesi la seguente terapia:
1 pantoprazolo 20 - 1 Clopidogrel 75 al posto del prasugrel – 2 ramipril 2,5 – 1 bisoprololo 2,5 – 1 atorvastatina 20 e dal giugno 2015 1 Cordarone 200
Da giugno 2015 il medico di MG ha sostituito il Pantoprazolo con la Ranitidina 150., asserendo che il pantoprazolo interferiva col clopidogrel.
Leggendo alcuni studi in merito all'interazione del clopidogrel in concomitanza di somministrazione di atorvastatina e ranitidina riducendone gli effetti antipiastrinici , gradirei un vostro riscontro in merito,perchè vorrei essere sicuro di seguire una corretta ed efficace terapia.
Gradirei infine sapere se il clopidogrel originale (Plavix) è dispensato dalla Asl pagando la differenza o è tutto a carico , in quanto il farmacista mi da di tanto in tanto un generico sempre diverso asserendo che è quello che passa l’ASL
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il pantoprazolo il farmacl che infrferisce meno sugli antiaggreganti i piastrinici e d alltra parte é opportuna una terapia di proteziine gastrica

arrivederci

[#2] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la sollecita risposta.
Se posso la disturberò ancora poiché questa settimana ho in programma un Holter ed un ecocardiogramma.
Grazie ancora e buona serata.
[#3] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
A seguito della precedente, invio il referto dell'ecocardiogramma effettuato in data odierna:

(esografo Esaote mylab 50 X vision)
Finestra acustica discreta.

Sezione destre nei limiti. Normale funzione sistolica del ventricolo dx (TAPSE > 20 mm).
Insufficienza tricuspidale di grado lieve. Non pletora cavale. Normali pressioni polmonari non valutabili.
Atrio sinistro lievemente dilatato (diametro 42 mm); lieve fibrosi dei lembi mitralici, apertura valvolare conservata, lieve insufficienza mitralica ed etiologica degenerativa.
Ventricolo sinistro di dimensioni conservate (DTD 46 mm, VTD 139 cc), lieve ipetrofia del setto inerventricolare (SIV 13 mm); modesta ipocinesia inferiore distale, cinestica normale dei restanti segmenti, funzione sistolica globale normale (FE 64%). Alterato rilasciamento diastolico.
Radice aortica ai limiti superiori di norma (38 mm) valvola aortica tricuspideata, apertura valvolare conservata, lieve insufficienza (jet centrale). Assenza di versamento pericardico.
Conclusioni: mitro ed aortosclerosi degenerative con modesto impatto emodinamico in esiti di cardiopatia ischemica con efficienza contrattile globale del ventricolo sinistro nei limiti della norma.
Vi sarei enormemente grato se mi deste delle spiegazioni in merito; tradotto in parole semplici capire da profano a che punto è il decorso della mia malattia.
La ringrazio e la saluto cordialmente.
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
é un esame che rispecchia la,sua storia clinica.
c e la cicatrice del pregresso infarto a sede inferiore.
Per il resto il cuore non presenta altre alterazionimdi rilievo.

arrivederci

cecchini
[#5] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio ancora per la sollecita ed esplicita risposta.
Come saprà certamente, per la sua esperienza in campo medico, il paziente cerca di aggrapparsi a tutte le notizie che possano tranquillizzarlo circa il decorso della malattia e le parole semplici a spiegare un esame fatto sono tra queste.
Grazie ancora per la Sua disponibilità e la saluto cordialmente.
[#6] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Egregio Dott. Cecchini buon giorno,
Da quasi 25 giorni ho una tosse fastidiosa a seguito di un raffreddore con tutte le caratteristiche: mal di gola, raucedine , male a deglutire e un po' di tosse, che il mio dottore MDG ha curato con antibiotico per 5 giorni.
Tutto passa, ma rimane la tosse , e nell'arco di una giornata mi vengono 4/5 episodi che durano circa 25/30 minuti, specie di notte.
Allora il mio dottore, nel caso la tosse persista, pensa di cambiare la pastiglia del ramipril 2,5 con altra medicina.
Quale potrebbe essere altra pastiglia che vada bene per me?
Altra cosa; dovrei fare il vaccino antinfluenzale, posso farlo ci sono controindicazioni n questo momento?
La ringrazio e Le auguro una buona giornata.