Utente 329XXX
Ho 72 anni a giorni quasi sicuramente dovrò iniziare a prendere un Nao per rischio tromboembolico avendo avuto più di una fibrill. atriale patossistica in 5 anni. Assumo silodosina per ipb.. e fosicombi per ipertensione cmq ben controllata . L'ventuale uso di spedra a basse dosi potrebbe avere controindicazioni per i Nao o per silodosina o per fosicombi? Qualche medico ( mi sembra anche in questo forum) ha definito il cialis e per similitudine penso anche gli altri farmaci equivalenti : schifezze! Gli andrologi , gli urologi, i cardiologi cosa pensano molto sinceramente di questi farmaci e in particolare del Cialis che se non erro è stato autorizzato anche per ipb? Possono tra l'altro causare fibrillazione atriale?
Cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore lei è ad elevato rischio cardiovascolare per cui alcuni di quei farmaci sono schifezze poiché in caso di incidente acuto sarebbe nei guai in quanto a lunga emivita. Inoltre eviti di utilizzare quei farmaci come terapia olistica e si faccia fare diagnosi precisa da collega in maniera tale da fare terapia delle cause ed assumere meno schifezze possibili. Sono io che le definisco schifezze ma nessuno mi ha mai contraddetto. Saluti
[#2] dopo  
Utente 329XXX

Iscritto dal 2013
E' perchè ho dei problemi che ho inoltrato la domanda, ma in precedente post di altro utente, lei ha definito i farmaci in questione schifezze ed ora lo ribadisce ovviamente in relazione ad un paziente che ha problematiche. Anche i nuovi anticoagulanti orali, anche l'aspirinetta sono a rischio per il paziente in caso di incidenti e che razza di rischio vista l' assenza di antidoto. Mi è sembrata eccessiva da parte sua una presa di posizione così aggressiva verso i suddetti farmaci e mi ha lasciato perplesso anche perchè mi è venuto da pensare a come dovremmo definire i migliai di medici che prescrivono a milioni di utenti i farmaci pde5 approvati per la disfunzione erettile e non miscugli da stregoni!
Non è stato contraddetto...dice lei... ma non mi sembra che sia stato condiviso da suoi colleghi. Saluti