Utente 428XXX
Sono qui a chiedere aiuto e un consulto, in quanto mi sento quasi abbandonato dai medici a cui mi sono rivolto fin oro.
Tutto ha inizio a febbraio di quest'anno, dopo un colpo di freddo preso in montagna, prima di questo episodio ho sempre goduto di ottima salute. Rivoltomi al mio medico di base mi diagnostica una leggera otite e sinusite, mi prescrive aircot e antimu e gocce per le orecchie, ma dopo questa terapia i sintomi non accenano a migliorare anzi. Allorchè mi rivolto a un otorino, che in prima visita mi diagnostica una rinosinusite altro ciclo di aircot e antimuc e biorinol e nuova vista a un mese a cui mi presento solo con un leggera diminuizione del muco in questa visita effettiando una rinoscopia nella quale evidenza un infiammazione della mucosa e una deviazione del setto nasale con diagnosi di sinusite acuta e mi prescrive antibitioco da 200mg 2 volte a giorno e spray nasale rioclenil 1 volta al giorno. Iniziata questa nuova terapia ho avuto qulche giorno di leggero benessere per poi piombare nuovamente nel malessere. Ad oggi sia il mio medico di base che otorino sembrano non sapere che pesci prendere e continuano a darmi solo farmaci su farmaci come nevrinalk e altri spay nasali senza che nessuno di essa offra benefici e alla richiesta di altri esami specifici mi rispondono di attendere l'evolversi. Oggi a distanza di quasi un anno dall'inizio di tutto ciò soffro quasi quotidianamente di mal di testa nella zona della fronte come una sensazione di pressione e fastidio alla luce forte o stare davanti a pc o schermi vari con tremore anche della palpebra sinistra, ho un fastidio sporadico alla gola come una sensazione di corpo estraneo nella deglutizione e muco quasi quotidiano e credo anche un inizio di infiammazione del trigenimo, senza contare disturbi del sonno non mi sveglio molte volte a causa del naso chiuso. Sono veramente scoraggiato e mi sembra quasi di essere visto come un visionario o pazzo quando mi rivolgo a loro il che mi scoraggia ancor più. Spero di trovare qui risposta alla mie problmatiche senza dover rivolgermi ancora a coloro che mi hanno tenuto in cura fin ora che mi hanno solo causato un ingente esborso economico e perdita di tempo con peggioramento della mia situazione. Ah a Marzo ho fatto delle analisi del sangue piùttosto complete e tutti i valori sono risultati perfetti. Vi ringrazio anticipatamente e mi scuso per eventuali errori ma è stata una sofferenza fissare solo lo schermo per scrivere tutto ciò.
[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il suo racconto mi incuriosisce:
-una leggera otite e sinusite
-infiammazione della mucosa e una deviazione del setto nasale con diagnosi di sinusite acuta
-ho un fastidio sporadico alla gola come una sensazione di corpo estraneo nella deglutizione
-soffro quasi quotidianamente di mal di testa nella zona della fronte
- disturbi del sonno
Poiché i suoi Curanti "sembrano non sapere che pesci prendere" le suggerirei di non trascurare l'ipotesi che il suo problema sia sostenuto da una bocca e da una Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) in disordine.
Sarebbe lungo spiegarle qui il razionale della mia ipotesi, che può riguardare tutti i sintomi da lei riferiti: le suggerisco di leggere gli articoli linkati qui sotto: ceda se si riconosce nelle situazioni descritte, e, nel caso, mi faccia sapere.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-denti.html
http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-naso-volte-causa-sta-bocca.html
http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1934-nodo-gola-bolo-isterico.html
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
http://www.studiober.com/pdf/Malocclusioni%20e%20patologie%20respiratorie%20ostruttive.pdf



[#2] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la cortese risposta. Avevo pensato questa ipotesi, fra l'altro sono Odontotecnico. Ma non avendo mai sofferto di problemi a carico dell'atm e avendo ancora tutti i miei denti non ho dato tanto peso a questa ipotesi ma per sicurezza ho optato per la costruzione di un byte rigido e la situazione non è cambiata al momento, darò ugualmente una lettura ai post da lei consigliati. Lunedì tornerò un'ultima volta dal medico sperando mi presctiva una tac e un tampone nasale in modo da escludere con certezza o diagnosticarla sempre con certezza la sinusite almeno così si saprà che strada prendere.
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Tenga presente che dire "un bite" é come dire "una pillola" : rappresenta un trattamento assolutamente individuale, e , come una pillola consiste nello sbocco terapeutico di una diagnosi che deve essere corretta, e corretta deve essere anche la modalità di assunzione, (e solo a queste condizioni QUELLA pillola può risolvere QUELLA patologia), così il bite rappresenta la configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo prescrive e fa realizzare: è quest’ultima, cioè la prestazione culturale che il paziente acquista, non l''oggetto artigianale che qualunque tecnico realizza in un''ora di lavoro, e che è di infimo valore venale se disgiunto dalla prima.
Cordiali saluti ed auguri.
[#4] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Appoggio in pieno il suo discorso, la via del byte è stata intrapresa dopo un consulto con un odontoiatra a cui avevo parlato del mio stato di salute ed abbiamo e su suo consiglio provato questa strada provando un byte rigido per dare sollievo alla muscolatura dell'atm in quanto secondo lui ha rilevato una leggera contrazione muscolare. Ora pensando bene e andando con la memoria ad anni addietro mi sono ricordato che passai una settimana con dolori all'articolazione nei movimenti protusivi e di svincolo e nello specifico nel classico movimento per mangiarsi le unghie brutto vizio che ho quasi debellato. Ma passata quella settimana mai avuto più problemi. Per descriverle meglio la mia sitauzione a livello dentale mi trovo con una seconda classe di angle con morso profondo ma questo è da sempre, infatti ogni tanto mi ritrovo con il classico fastidio che gli incisivi inf impattano sulla mucosa superore. Ho letto con molta attenzione e attenzione i link da lei consigliati e mi ritrovo in questa due descrizioni: http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1934-nodo-gola-bolo-isterico.html?refresh_ce e http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-naso-volte-causa-sta-bocca.html?refresh_ce . La ringrazio ancora per il suo interesse.
[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
"Per descriverle meglio la mia sitauzione a livello dentale mi trovo con una seconda classe di angle con morso profondo"
E' la malocclusione che più frequente causa i problemi disfunzionali: è evidente che il bite , portato anni fa, non può averlo corretto stabilmente, pur avendole dato un certo sollievo.
Ovviamente il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione cranio-mandibolare: una via di mezzo fra la conferma diagnostica e una prima terapia, ma è solo una terapia iniziale di una disfunzione dell''Articolazione Temporo Mandibolare (ATM). Successivamente, AL RAGGIUNGIMENTO DI UN BUON SUCCESSO CLINICO CON IL BITE, si dovrà provvedere ad una riabilitazione ortodontica, protesica o mista che confermi il risultato ottenuto con il bite, oppure proseguire, come compromesso, con il bite a vita.
Altrimenti il problema tenderà a riemergere , ed é ininfluente se , per un certo tempo "passata quella settimana mai avuto più problemi.": adesso i problemi li ha, anche se con sintomatologia diversa.
Credo che, se il mio sospetto è giusto, la tac servirà a poco (non la prescrivo mai: dal punto di vista gnatologico è del tutto inutile) e se il naso soffre di conseguenza ad uno schema respiratorio francamente orale, tipico delle seconde classi con morso profondo, sarà probabilmente inutile indagarvi.
"mi ritrovo con il classico fastidio che gli incisivi inf impattano sulla mucosa superore" Probabilmente quelli superiori impattano sulla gengiva vestibolare inferiore: anche questo problema parodontale appartiene al corollario tipico di casi come il suo, e anche il paradentologo potrà farci poco se la malocclusione permane.
Dia un'occhiata a questo articolo: é scritto in chiave pediatrica, ma il razionale è valido anche nell'adulto
www.studiober.com/pdf/Tosse_Medico_Pediatra.pdf
Cordiali saluti ed auguri.
[#6] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Forse mi sono spiegato male, il byte rigido l'ho adattato da circa 2 settimane dopo il consulto con l'odontoiatra. mentre nell'episodio di fastidio dell'atm che ho sopra descritto non presi nessun rimedio se non i classici FANS per qualche giorno. Io ad oggi a livello dell'atm non ho nessun tipo di dolore o fastidio anche se cmq sono cosciente che ho una seconda classe con morso profondo che è una malocclusione a tutti gli effetti e concordo che è il byte deve essere visto in funzione di una riabilitazione. Tornando a parlare dell'impatto degli incisivi inferiori che impattano sulla mucosa questo nel mio caso è anche accentuato da un 42 e un 31 leggermente più estrusi rispetto i loro pari questo causato anche da un piccolo incidente di gioventù a cui non ho dato peso associandoli solo a un fattore estetico mentre è totalmente assente il fenomeno di cui ha parlato degli incisivi superiori che impattano sulla gengiva vestibolare inferiore. Mi sono stampato il documento che mi ha linkato e sta sera mi dedicherò alla lettura. Per il discorso tac sicuramente non è un bene assumersi delle radiazioni anche se controllate ma è un dubbio che voglio assolutamente levarmi che non si tratti di sinusite in modo da concentrarsi su una diagnosi ad esempio quella da lei esposta. Giusto per ricapitolare i miei sintomi da oggi:
+ Muco quasi costante dall'aspetto trasparente con scolo retronasale raramente riesco a liberarmi attravero il naso.

+ Naso chiuso prevalentemente di notte e sopratutto in presenza di clima più secco infatti ora che inizia a esserci più umidità nell'aria questo sintomo si è drasticamente ridotto.

+ Mal ti testa stazionario nella fronte in particolare al di sopra degli occhi che nel tempo in quanto a dolore non è mai aumentato anzi avvolte diminuisce quasi scompare per poi ripresentarsi.

+ Sensazione di corpo estraneo alla deglutizione, sintomo che può anche per settimane o giorni non presentarsi per poi comparire senza aumentare di fastidio nel tempo.

+ Fastidio agli occhi in particolare il sinistro con una leggere perdita della vista periferica nei momenti di maggiore intensità del mal di testa, e un notevole fastidio alla luce diretta sopratutto la notte.

Grazie ancora.