Utente 274XXX
Salve ieri sera mio figlio di 3 anni e mezzo andò a sbattere con il testicolo destro sullo spigolo del letto di legno. Ovviamente cominciò a piangere, era visibile il punto dove prese la botta in quanto presentava gonfiore, arrossamento e come un buchetto proprio nel punto esatto del colpo. Pian piano sembrava si stesse calmando,lo feci anche urinare e ci riuscì normalmente. Dopo una decina di minuti improvvisamente cominciò ad urlare come se avesse delle fitte, diceva di provare dolore e bruciore e camminava con le gambe aperte. Cosi decisi di andare al PS. La pediatra lo visitò con le mani, lui piangeva tantissimo. Gli somministrò una bustina di tachipirina per il dolore. Il fatto è che il dolore sembrò passare già subito dopo la visita e non per effetto della tachipirina. Comunque la diagnosi fu: escoriazione all'emicroto destro con area limitrofa lievemente iperemica. Testicoli in sede,simmetrici, di consistenza regolare. Non idrocele. La pediatra ci mandò a casa dicendoci di ritornare stamattina, nel caso avesse ancora dolore, per effettuare un ecocolordoppler. In realtà lui da stamattina dice che gli è passato il dolore però il testicolo destro, al tatto, lo sento duro rispetto al sinistro che è morbido. Siccome è una zona molto delicata, ho paura che possa aver subito danni interni. Credete sia il caso di fare comunque la ecocolordoppler? Serve una visita andrologica? Sono un po preoccupata. Attendo un vostro riscontro. Grazie Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Credo sia necessario eseguire un ecografia testicolare per valutare eventuali danni, tale esame potrebbe farlo direttamente presso un andrologo fornito di ecografo così da avere oltre alla diagnosi anche eventuali indirizzi terapeutici.Distinti saluti.
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Cara Utente,non comprendo perché non voglia far eseguire un ecocolordoppler a suo figlio, che chiarirebbe in maniera definitiva il quadro clinico.Cordialità.
[#3] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Cari dottori, innanzitutto grazie per le risposte. Non è che non voglio eseguire l'eco a mio figlio, anzi io vorrei farla per stare più tranquilla. Ho chiesto a voi perché la pediatra mi disse di farla solo nel caso in cui continui il dolore. Per questo ho voluto chiedere a voi che siete specialisti in materia. Provvederò a fargliela fare al più presto insieme ad una visita andrologica. Grazie ancora. Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Scusate Dott.ri un'ultima domanda. Siccome questa cosa non è successa a casa mia ma mi trovo in un altra città, devo fare l eco a mio figlio subito o posso aspettare la prossima settimana quando ritorno a casa?Aspettare potrebbe cambiare la diagnosi? Non so a questo punto se è meglio riportarlo in ospedale e fare lì l"eco o aspettare e portarlo direttamente da uno specialista.Grazie sempre per le risposte. Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...se non c'é dolenzia,può attendere che un andrologo valuti sia il quadro obiettivo che quello ecografico.Cordialità.
[#6] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille dottori. Saluti